1 Maggio 2011

“Una stangata sproporzionata al valore dei veicoli”

«Una stangata sproporzionata al valore dei veicoli»
 

(f. man.) Le sanzioni sono esagerate e il costo della pratica non è proporzionato al valore del mezzo. Così, per il Codacons, il passaggio dalle vecchie alle nuove targhe per i cinquantini antecedenti il 14 luglio 2006 si configura come una vera e propria stangata. Spesso, in aggiunta, a svantaggio proprio di chi ha possibilità di spesa piuttosto risicate. «Non abbiamo fatto uno studio particolare sulla questione ma abbiamo visto che la multa minima prevista è di quasi 400 euro – spiega Mauro Antonelli – è un’ esagerazione per una questione che di fatto è solo burocratica». Rientra, per i consumatori, nell’ inasprimento più generale delle sanzioni del codice della strada che vanno esclusivamente a colpire i consumatori. «Non ci danno informazioni in merito – prosegue – ma non sappiamo ancora se le motorizzazioni stiano almeno inviando delle lettere informative agli interessati. Dall’ altra parte invece ci siamo accorti di carabinieri che hanno sbagliato a fare le multe perché usavano il vecchio codice della strada, e la giustificazione è stata che non avevano ancora fatto i corsi di aggiornamento». Inoltre, nel caso dei cinquantini precedenti al ?96 spendere poco meno di 100 euro significa in qualche caso sfiorare la metà del valore commerciale. «Si vanno ancora a colpire le fasce più deboli», commenta Antonelli.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this