fbpx
9 Agosto 2011

Una denuncia per il bonus bebé

Una denuncia per il bonus bebé
 

• Sulla vicenda del Bonus bebé e sulla richiesta che il Ministero dell’ Economia ha inoltrato ad 8000 famiglie chiedendo loro di restituire i mille euro percepiti, il Codacons ha deciso di presentare un esposto alla Procura della Repubblica di Roma ipotizzando il reato di violenza privata (art. 610 Cod. Pen.). Il Codacons chiede una sanatoria, fatta, sempre sullo stesso argomento, per gli immigrati. Nella finanziaria del 2007, infatti, Legge n. 296 del 27 dicembre 2006, all’ art. 1 comma 1287 era scritto che "le somme di cui all’ art. 1, comma 333, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, erogate in favore di soggetti sprovvisti del requisito di cittadinanza italiana, ovvero comunitaria, non sono ripetibili" ossia gli immigrati non dovevano restituire nulla. Sarebbe incredibile se quello che valeva per gli immigrati non dovesse valere anche per gli italiani, visto che l’ errore è sempre lo stesso: l’ assoluta buona fede di chi ha creduto alla lettera ingannevole del Premier mandata a casaccio anche a chi non ne aveva diritto. Per gli immigrati erano state sanate persino le ordinanze ingiunzioni emesse. Per par condicio, dunque, quanto il Governo ha fatto nel 2006 per gli immigrati va fatto ora anche per i cittadini italiani, altrimenti sarebbero ingiustamente discriminati. Indispensabile una circolare di Tremonti che blocchi immediatamente le sedi periferiche del Ministero dall’ inviare alla Procura competente per territorio la segnalazione di eventuali reati. Se così non fosse, infatti, le Procure sarebbero intasate da 8000 processi,tutti inutili,dato che la Cassazione, con la sentenza n. 40548 del 30 ottobre 2008,ha giá assolto una mamma romena che aveva incassato il bonus bebé. * Ufficio legale Codacons Campania.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox