7 Febbraio 2020

Una cena anti -psicosi «Basta con l’ intolleranza»

‘la cam pagna «non esiste alcun pericolo nel frequentare i locali gestiti da cittadini asiatici»
Una cena per dire no al contagio da fakenews e per esprimere solidarietà alla comunità cinese, sempre più bersaglio di comportamenti discriminatori. Anche il Codacons di Bari ha aderito alla campagna nazionale lanciata dall’ associa zione a difesa dei consumatori e che ha già toccato diverse città, da Nord a Sud del Paese. L’ iniziativa si è svolta ieri sera al ristorante «Dragon» di viale Unità d’ Italia. «Si tratta di un gesto simbolico – spiega An tonio Maria Scalioti, presidente regionale del Codacons nonché re sponsabile della sede di Bari – per combattere la psicosi alimentata dalle notizie false e per contrastare i crescenti casi di intolleranza nei confronti dei cittadini cinesi». Forme di discriminazione che l’ asso ciazione intende stroncare sul nascere. Ed è necessario contrastare pure gli ingenti danni economici che l’ allarmismo dilagante sta causando. Anche a Bari (come confermano le testimonianze raccolte nell’ altro servizio) i clienti stanno diser tando ristoranti e negozi cinesi: sono spinti a farlo dall’ errata convinzione che possano essere veicolo di contagio per il coronavirus. Così sono nati i pranzi e le cene «anti -psicosi», appuntamenti che si susseguono in numerose città, da Milano a Catania, da Torino a Lecce, da Roma a Pescara. «I pasti nei ristoranti cinesi – sottolinea l’ avvo cato Scalioti – intendono far capire che non esiste alcun pericolo nel frequentare i locali gestiti da cinesi». Peraltro, viene rimarcato dall’ associazione, il cibo servito in questi esercizi viene acquistato in Italia: un’ ul teriore dimostrazione che il problema non si pone e che comportamenti ingiustificati causano solo problemi, anche ai fornitori dei negozi, italianissimi. «Il razzismo – è la considerazione che il Codacons sta cercando di far passare in tutta Italia – è senza dubbio più pericoloso e dannoso del coronavirus e si diffonde ad una velocità immensamente maggiore». [m.sec.]

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox