fbpx
30 Luglio 2019

Una birra di troppo, poi il volo: turista muore lungo il Tevere

un 19enne francese sale su un muro e cade sulla banchina da 15 metri: deceduto sul colpo martin tronchon aveva appena festeggiato il compleanno: l’ ipotesi dell’ eccesso di alcol
LA TRAGEDIA Aveva appena compiuto 19 anni ed aveva scelto Roma per festeggiare con due amici, girando per i locali di Trastevere. Era da poco passata l’ una e trenta quando il giovane turista francese, Martin Tronchon, nato il 28 luglio del 2000, mentre passeggiava su lungotevere Tebaldi è salito sul muretto ed ha perso l’ equilibrio: il ragazzo è precipitato sulla banchina, dopo un volo di oltre 15 metri, ed è morto sul colpo davanti agli occhi degli amici cari. Un gesto improvviso, incauto. Che è costato la vita al giovane studente universitario nato a Parigi, di buona famiglia, che amava l’ arte, suonare la chitarra e frequentava un campus di materie scientifiche di Reims. I tre avevano festeggiato e forse bevuto una birra di troppo, come rilevato dagli investigatori durante l’ interrogatorio. Una bravata finita male. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione Quirinale, oltre agli agenti della Sezione rilievi di via in Selci. IL GIRO IN CENTRO Una tragedia. Dopo le risate e forse una bevuta di troppo nei locali del centro. La chiamata all’ Ares 118 è arrivata intorno all’ una e trenta. Per Martin non c’ era più niente da fare. Era arrivato con un amico, un altro li aveva raggiunti proprio ieri, anche loro francesi, coetanei. Alloggiavano in un bed&breakfast di via Aleardo Aleardi, in zona Manzoni, una delle tante abitazioni sconosciute trasformate in alloggi. Dovevano ripartire tutti insieme il 2 agosto. Ai carabinieri gli amici hanno raccontato un po’ alticci che Martin è salito per gioco sul muretto a ridosso del Tevere. «Stavamo camminando, avevamo bevuto una birra nei locali di Trastevere, a un certo punto ha provato ad alzarsi sopra il parapetto». Ma ha perso l’ equilibrio. Al momento si propende dunque per un incidente, una bravata finita male. Avvisati i genitori e le autorità del Consolato. La morte del ragazzo francese ricorda tante altre, avvenute negli ultimi anni, con dinamiche simili. Per distrazione, o sotto l’ effetto di alcolici, o per altri motivi. I turisti le principali vittime. «Da tempo – dichiara il presidente Codacons, Carlo Rienzi – chiediamo di installare delle reti di sicurezza sul Lungotevere che, anche in caso di caduta accidentale, impediscano l’ impatto con la banchina, associandole a sistemi di rilevamento a distanza in grado di segnalare in tempo reale anomalie o situazioni di pericolo, e consentire l’ intervento immediato delle forze dell’ ordine e dei mezzi di soccorso. Si sarebbero potuti evitare più di 10 incidenti mortali solo negli ultimi anni». I PRECEDENTI L’ elenco è lungo. Il 6 giugno del 2010 un 22enne tedesco è stato trovato morto sulla banchina di lungotevere Marzio. Il 27 luglio 2012 ha trovato la morte un ragazzo americano di 19 anni originario del Sud Corea: stava facendo un tour in giro per l’ Europa interrotto a Roma, con una morte forse provocata da una notte di divertimento e alcol, passata a bere in giro per locali. Il ragazzo, ubriaco, è precipitato sulla banchina del Tevere. Nel giugno 2015 un altro tedesco di 22 anni è stato trovato sul greto del Tevere all’ altezza di Lungotevere dei Vallati: anche lui era caduto. Ancora, il 28 gennaio 2018 un giovane turista brasiliano è caduto da un muretto all’ altezza dei giardini di Castel Sant’ Angelo: un volo di oltre 10 metri e lo schianto sulla banchina del Tevere davanti agli occhi della moglie. L’ uomo è morto poco dopo in ospedale. Era seduto sul muretto di lungotevere in compagnia della moglie e due amici: stavano chiacchierando e mangiando un gelato quando all’ improvviso è caduto giù. Le banchine del Tevere sono state anche teatro di omicidi. La mattina del 2 maggio scorso è stata trovata morta sotto Ponte Sisto l’ ex campionessa di atletica tunisina Imen Chatbouri. A spingerla giù è stato un 37enne romeno. Raffaella Troili © RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox