24 Aprile 2007

Una bimba di sei anni schiacciata dal portone

Stava giocando nell`androne di un cascinale
Una bimba di sei anni schiacciata dal portone

TORINO – E` rimasta schiacciata sotto un portone di legno di oltre sei quintali. Chiara Villata (nella foto), aveva solo sei anni, la porta le è piombata addosso mentre stava giocando nel cortile della cascina La Motta, storico podere di Candiolo, nei pressi di Torino. Sull`incidente, accaduto ll`altra sera, la Procura di Pinerolo ha aperto un`inchiesta: il sostituto procuratore, Ciro Santoriello, che coordina le indagini dei carabinieri, dovrà stabilire se l`incidente poteva essere evitato. L`androne in cui è avvenuta la tragedia è stato isolato con un nastro bianco e rosso. E per sicurezza l`altra anta della porta, che non è caduta, è stata puntellata, mentre quella che è crollata sulla bambina è stata sequestrata. Per tutto il giorno i carabinieri hanno effettuato i rilievi del caso. Al momento, nessuno è iscritto nel registro degli indagati. Ma a rispondere delle eventuali responsabilità potrebbe essere il proprietario della cascina, Riccardo Sella. “Una persona attenta e scrupolosa, che da sempre si occupa del podere nel migliore dei modi“, racconta il sindaco di Candiolo, Antonio Costanzo. “L`ho visto una quindicina di giorni fa – prosegue il primo cittadino – per definire gli ultimi dettagli delle manifestazioni che organizziamo nel casolare“. Un complesso rurale fra i più grandi in provincia di Torino, che ogni anno ospita centinaia di visitatori in occasione delle rievocazioni di antichi mestieri e di altre iniziative. La famiglia Villata aveva affittato in questo paradiso agricolo l`alloggio in cui vive, un appartamento che un tempo ospitava i mezzadri della tenuta. Chiara è cresciuta lì, in mezzo al verde. I vicini la ricordano come una bambina “allegra e felice, che giocava sempre“. Come l`altra sera: l`incidente è avvenuto dopo le 21 al termine di una domenica uguale a tante altre, trascorsa tra un giro in bicicletta e un tiro al pallone. “Non capisco come sia potuta morire“, ripete sconsolato Giampaolo, 42 anni, il padre della bimba. “Un attimo prima giocava felice – si limita ad aggiungere – poi quel tonfo l`ha messa a tacere per sempre. E` assurdo“. Giovedì, nella vicina Volpiano, verranno celebrati i funerali della bimba. Intanto, il Codacons ha chiesto più controlli per i portoni e i cancelli. “Si staccano dai cardini troppo spesso“, è l`allarme lanciato ricordando che per l`Organizzazione Mondiale della Sanità gli incidenti domestici rappresentano nei Paesi sviluppati la prima causa di morte dei bambini.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this