11 Ottobre 2019

Un solo incontro e poi l’ agenzia matrimoniale sparisce, denuncia al Codacons

 

1 Pazienti stomizzati, la Croce Rossa stende un ponte sanitario da Sassuolo alla Romania 2 Bivio tra la Statale 12 e la Giardini, ok alla convenzione per la rotaroria a Pavullo 3 Ricerca sui veicoli a guida autonoma, premio internazionale per uno studente Unimore 4 Le mamme adottive dei bambini della Bassa: “Inchiesta ‘Veleno’ è falsata e parziale” Paolo non è più giovanissimo, ha un posto di lavoro fisso e una certa tranquillità economica, oltre ad una figlia grande che gli regala soddisfazioni. Paolo ha però deciso di vivere nuovamente una relazione sentimentale con una donna, che gli manca da tempo, e per farlo si è rivolto ad un’ agenzia matrimoniale di Modena. L’ obiettivo era quello di trovare una compagna e per questo ha fornito al “mediatore” le caratteristiche desiderate, sottoscrivendo poi un contratto e sborsando 1.000 euro. “Il mio obiettivo era quello di incontrare la donna giusta e questo è quello che mi è stato promesso dall’ agenzia. Dopo nove giorni mi è stata presentata una donna, che però non corrispondeva per niente alle caratteristiche che avevo indicato. Poi basta. Per tre mesi nessun altro incontro. Di fronte alle mie telefonate hanno cercato varie scuse. Mi dicono che stanno ‘lavorando per me’ e che non c’ è ancora una donna che corrisponde alle mie caratteristiche”. Di fronte a questa latitanza Paolo ha deciso di rivolgersi al Codacons, sia per ottenere un risarcimento rispetto ai mille euro versati, sia nella speranza di avere anche riconosciuti i “danni morali” per le false aspettative create. A dispetto della tematica particolarmente delicata, soprattutto da un punto di vista sentimentale e morale, ci troviamo di fronte ad un comune contratto per la fornitura di servizi, che in quanto tale va valutato anche da un punto di vista legale. Il problema principale risiede proprio nell’ indeterminatezza di quanto scritto nero su bianco sulle carte firmate dal modenese e della discrepanza con quanto invece viene raccontato a parole dall’ agenzia. Lo spiega l’ avvocato Alessandra Magnani, legale di Codacons: “Anche in questo caso l’ impresa è tenuta alla fornitura del servizio per tutta la durata del contratto, che nel caso in questione è di 5 mesi. C’ è però una differenza tra le promesse fatte a voce e le clausole scritte, dove si parla di un generico ‘innumerevole numero di incontri”. Alla scadenza naturale del contratto poi si chiedono altri soldi per proseguire nel periodo successivo, facendo ricadere sulle spalle del cliente la responsabilità di non aver trovato la persona giusta, facendo leva anche sul senso di vergogna”. Una vergogna che tuttavia Paolo ha messo rapidamente da parte, rivolgendosi a Codacons Modena e dicendosi determinato a rendere pubblica la propria vicenda, anche perchè la sua vicenda possa essere un monito per altri. Le speranze che la “compagna giusta” possa presentarsi attraverso l’ agenzia sono ormai sparite, anche se il periodo dei 5 mesi di contratto non è ancora del tutto scaduto. Mai dire mai.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox