16 Gennaio 2007

Un ricorso per il vino ai trucioli

È stato presentato al Tar del Lazio un ricorso per fermare l`uso di segatura di legno per l`invecchiamento artificiale dei vini Made in Italy. La novità, in attuazione di un regolamento Ue, è stata introdotta da un decreto del Mipaaf del 2 novembre 2006. Sono esclusi dall`utilizzo dei trucioli solo i vini a denominazione di origine (Doc/Docg), meno di un terzo del mercato. Lo rende noto la Coldiretti, che ha preso l`iniziativa con Città del Vino, Federconsumatori, Codacons, Adusbef, Adoc, Slow Food Italia, Legambiente e alcuni produttori. L`obiettivo“Tutelare le produzioni agroalimentari nazionali di qualità, che costituiscono un patrimonio irrinunciabile per il nostro paese, e i consumatori, che verrebbero a trovarsi di fronte ad un prodotto artificiale“: sono questi, si legge in una nota della Coldiretti, gli obiettivi del ricorso. L`Italia rappresenta circa il 25% delle esportazioni mondiali e ha conquistato negli Usa il primato delle vendite. “Si deve scegliere senza indugio la strada della qualità e della trasparenza, senza cedere alle tentazioni di una concorrenza fondata sulla bassa qualità“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox