9 Dicembre 2010

Un Forum civico per tutelare i diritti dei consumatori

Nasce il Forum civico messinese. L’ iniziativa, che prende il via da un’ idea dell’ Adoc, condivisa da altre sette associazioni di consumatori (Cittadinanza attiva, Codacons, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega consumatori, Movimento consumatori e Unione nazionale consumatori) è stata presentata a Palazzo dei Leoni. «L’ idea di fondo – spiega Francesco Sabatino, responsabile per l’ Adoc – è di tutelare il consumatore messinese. Ma, perché questo sia possibile, è necessario conoscere le sue esigenze. Promuoveremo occasioni di incontro tra i cittadini e le istituzioni. E, per presentarci alla cittadinanza, al più presto posizioneremo un gazebo nell’ isola pedonale». Come si legge dal protocollo d’ intesa sottoscritto dalle otto associazioni, il Forum intende approfondire la conoscenza delle varie realtà dei servizi pubblici locali e, a tal riguardo, elaborare le sollecitazioni che provengono dai cittadini; tutelare i diritti dei consumatori e degli utenti; difendere la qualità della spesa pubblica dai costi eccessivamente onerosi; suggerire linee di intervento dirette alla salvaguardia dell’ ambiente, del territorio, della salute e della sicurezza. «Il Forum – precisa Nino Quartarone, responsabile per Cittadinanza attiva – vuole essere un punto di riferimento per i cittadini». Periodicamente, saranno organizzati incontri pubblici su tematiche di interesse generale, ai quali saranno invitati anche esperti del settore, responsabili dei procedimenti, politici ed amministratori pubblici e privati. E, tra le finalità che il Forum vuole perseguire, vi è, inoltre, quella di sollecitare gli enti locali alla redazione delle "Carte della qualità dei servizi", verificandone successivamente il rispetto, e di sottoscrivere protocolli d’ intesa per la diffusione della conoscenza dei servizi pubblici locali. «Ci occuperemo di svariate questioni- puntualizza Mario Intelisano, responsabile per l’ Unione nazionale consumatori – per citarne alcune: gli asili nido, l’ assistenza ospedaliera, il trasporto pubblico, il servizio idrico, le problematiche degli anziani. Avvieremo un confronto pubblico tra cittadini e istituzioni e, a tal fine, utilizzeremo al meglio le competenze di ogni singola associazione».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this