7 Agosto 2002

«Un commissario all`assessorato alla Sanità»

«Un commissario all`assessorato alla Sanità»

Commissioni patenti senza diabetologo: l`Adms
decisa a far intervenire il ministero della Salute

SASSARI. Forse non piacerà all`assessore Giorgio Oppi l`idea manifestata dall`Associazione diabete mellito Sardegna (Adms) di ricorrere al ministero della Salute per chiedere il commissariamento del dicastero della Sanità di cui è titolare. Il fatto è che non si tratta di un intendimento tanto peregrino, dal momento che, come fa notare il presidente Michele Calvisi, si ha a che fare con una novità del codice della strada che metterebbe fuori legge i diabetici sardi in possesso di patente di guida.
«La Regione – chiarisce Calvisi – è l`unica a non aver tenuto conto finora della modifica al comma 2 bis dell`articolo 119 del nuovo codice che inserisce la presenza di “specialisti nell`area della diabetologia e delle malattie del ricambio“ tra i componenti delle commissioni incaricate di accertare i requisiti per il rilascio, la revisione o la conferma della patente».
Il diabete, inserito tra le patologie elencate nell`appendice II del regolamento di attuazione del codice della strada, è considerato malattia invalidante anche ai fini del rilascio del certificato di idoneità alla guida di veicoli a motore. È per questo che la possibilità di guidare per i diabetici è subordinata alla verifica del possesso di determinati requisiti. In seguito a numerosi interventi che hanno modificato la normativa, oggi è stabilito che «l`accertamento di tali requisiti per il possesso delle patenti A, B, BE e sottocategorie viene «effettuato dai medici specialisti nell`area della diabetologia e della malattie del ricambio delle Asl». Spetterà a loro indicare eventuali scadenze entro le quali effettuare nuovi controlli del medico cui è subordinata la conferma o la revoca.
«L`abilitazione alla guida – illustra Calvisi – non può essere demandata a figure professionali generiche che, per quanto di sicura e provata competenza, nulla sanno del diabete. Non è stato certamente un capriccio a spingere il legislatore a coinvolgere la figura del diabetologo. Il quale si esprimerà sulla base della visita medica e di esami clinici, oppure, in caso di dubbi, invierà il paziente alla Commissione medica locale per una valutazione collegiale. Coloro, invece, che vogliono conseguire, revisionare o confermare le patenti C, D, CE e DE dovranno rivolgersi alla Commissione medica locale integrata dal diabetologo. Sappiamo già che se si è sottoposti a trattamento con insulina, gli accertamenti hanno cadenza annuale».
Chiariti gli aspetti del problema per lettera inviata all`assessore, ai direttori generali delle Asl, al ministero della Salute e, per conoscenza, al Codacons, l`Adms non ha potuto che invitare «gli organi competenti a nominare i diabetologi nelle commissioni». Ma se dovesse «persistere l`atteggiamento di inattività, chiederemo al ministero di commissariare l`assessorato alla Sanità per la gestione della diabetologia». Non sarà la soluzione dei problemi della sanità in Sardegna, ma il problema va risolto.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox