10 Dicembre 2010

“Un’ azione civile collettiva contro i vertici di Ber Banca”

«Un’ azione civile collettiva contro i vertici di Ber Banca»
 

UN’ AZIONE civile collettiva per tutelare gli azionisti di minoranza del Banco Emiliano Romagnolo (Ber Banca), l’ istituto commissariato da Bankitalia nel luglio 2009 e sulla cui gestione ha aperto un’ indagine la Procura di Bologna. La promuoverà il Codacons in rappresentanza di circa 40 cittadini «ma la speranza – ha detto il vicepresidente del Codacons, Bruno Barbieri – è di raccogliere i mandati di tutti i circa 200 piccoli azionisti e dei clienti». «La forma che abbiamo scelto – ha spiegato Barbieri – è quella della causa civile personale per ‘ mala gestio’ contro ex membri del consiglio d’ amministrazione e del collegio sindacale, o loro eredi, oltre che contro l’ ex amministratore delegato. In questo modo i responsabili, imprenditori molto facoltosi, potranno con i loro patrimoni pagare i rimborsi». Secondo il Codacons, azionisti e clienti sono molto preoccupati per i capitali (in alcuni casi svariati milioni) affidati all’ istituto bolognese. Alcuni di loro erano già in causa con Ber per investimenti in obbligazioni Lehman Brothers fatti quando il rischio legato ai prodotti della banca era già aumentato. «Stiamo aspettando – ha concluso Barbieri – le relazioni dei nostri esperti finanziari e abbiamo chiesto a palazzo Koch i documenti che hanno portato all’ amministrazione straordinaria. Alcuni clienti sono pronti a costituirsi come parte civile anche nel processo penale».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox