2 Agosto 2006

Udine Il Codacons: molte strade quasi allagate

“Ogni qualvolta a Udine si verifica un acquazzone i cittadini sono costretti a fare i conti con dei rivoli di acqua che occupano le strade rendendo pericolosa la circolazione delle automobili e l`eventuale passaggio dei pedoni“. La denuncia arriva dal Codacons i cui membri ieri hanno effettuato un giro per la città riscontrando i maggiori disagi a causa della pioggia battente caduta nel corso della mattinata in via Firenze, via Magenta, via dello Sport e piazza Patriarcato. Disagi evidenziati anche da alcuni residenti e commercianti che però secondo il Comune sono “casi isolati dovuti a motivazioni specifiche e non a problematiche generali“. Ma in ogni caso, dopo la segnalazione del Codacons, l`amministrazione “farà tutte le verifiche del caso“. Il Codacons infatti ha trovato “strade ricoperte di acqua – sostiene il responsabile Codacons della città di Udine, Pierluigi Chiarla – di difficile transitabilità per le auto, con tutto quello che ciò comporta anche in termini di sicurezza nella guida per gli automobilisti e di impossibile praticabilità per i pedoni che vogliano attraversarlo e che devono difendersi prima che dalla pioggia, dalle secchiate alzate dalle macchine“. La colpa, secondo il Coordinamento delle associazioni per la difesa dell`ambiente e la tutela dei diritti di utenti e dei consumatori (Codacons) è da attribuire in parte anche ad una “cattiva manutenzione“ della rete fognaria. “Nella zona del teatro – sottolinea il segretario udinese del Codacons, Renato Bernardis – gli scoli d`acqua erano zuppi di terriccio ed erba, quasi a indicare una cattiva manutenzione della fogna“. Per questo motivo, dopo aver contattato la polizia municipale per sapere chi si occupa di questi interventi, il Codacons ha chiesto un incontro con l`Amga “e in particolare con il responsabile della manutenzione della rete fognaria“ al quale dovrebbero partecipare anche i giornalisti. “Le vie della città facevano acqua da tutte le parti – sostiene ancora Chiarla – di conseguenza abbiamo cercato di individuare l`ente o la persona che avrebbe dovuto operare una corretta manutenzione della rete fognaria, o che avrebbe dovuto vigilare sulla pulizia, cosa che evidentemente non è accaduta“. L`assessore comunale ai lavori pubblici e alla viabilità, Roberto Toffoletti però non la pensa allo stesso modo. “Ci confrontiamo molto spesso con l`Amga che ogni anno si occupa della manutenzione di 5 mila pozzetti. In generale, anche grazie ai molti lavori compiuti o in via di compimento la situazione è molto migliorata e il problema degli allagamenti sensibilmente diminuito, basti pensare a piazza Primo maggio che una volta finiva spesso sott`acqua. Se però ci sono problemi specifici suggerisco ai cittadini di fare una segnalazione per consentirci di verificare ed eventualmente intervenire“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox