30 Aprile 2010

Ubriaco al volante investe due giovani Tragedia sfiorata sulle strisce pedonali

MILANO – UBRIACO AL UBRIACO travolge due ragazzi sulle strisce pedonali. E’ successo alle due di ieri notte, in via Molino delle Armi, all’ incrocio con Corso di Porta Ticinese. Un ragazzo di 29 anni e una ragazza di 28 stavano attraversando la strada sulle strisce pedonali, con semaforo lampeggiante data l’ ora tarda, quando sono stati travolti dall’ auto di un giovane di 21 anni, che ha finito la sua corsa scontrandosi con un taxi fermo poco più avanti. SOTTOPOSTO AL TEST etilico , il conducente dell’ auto aveva un tasso alcolemico tre volte superiore al limite ed è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza. Molto grave il ragazzo investito, in cura ora all’ ospedale Policlinico, codice giallo invece per la ragazza, che è stata trasportata al Niguarda. «Purtroppo in quella zona le auto sfrecciano come se fossero in un autodromo – protesta Marco Donzelli, presidnte del Codacons – essendo sia via Molino delle Armi che via Santa Sofia a due corsie. Per questo da tempo avevamo chiesto di piazzare una postazione fissa di autovelox, sollevando anche il problema degli attraversamenti pedonali. Peraltro gli enti locali dovrebbero investire (art. 208 Codice della strada) almeno il 10% dei proventi delle multe per la tutela degli utenti deboli, come i pedoni ed i ciclisti. Sfidiamo il sindaco di Milano a dimostrarci di averlo fatto». LA REPLICA DEL COMUNE arriva dla vicesindaco Riccardo De Corato: «Nei primi 3 mesi del 2010 la polizia locale ha già effettuato 830 controlli per guida in stato di ebbrezza e di questi, oltre 200, sono risultati positivi. Ciò vuol dire che una persona su quattro si è messa liberamente al volante pur non essendo in condizioni di guidare. L’ alcool purtroppo continua a essere tra le principali cause di incidenti stradali, per questo i vigili continueranno a tenere alta l’ attenzione su questo fronte. Non dimentichiamo che nel 2009 sono stati 2.988 gli accertamenti e 975 le violazioni all’ articolo 186 del codice della strada».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox