11 Luglio 2006

TV: IL CODACONS DENUNCIA LA PUBBLICITA? DELLA TIM

LE RAGAZZE SULLA MACCHINA CABRIO VIAGGIANO SENZA LE CINTURE DI SICUREZZA ALLACCIATE A PEGGIORARE LA SITUAZIONE I TANTI PASSAGGI IN RAI DURANTE LA SERATA DELLA FINALE









Non si sa se abbia più colpa la Tim per aver realizzato una pubblicità diseducativa o la Rai, per aver passato più volte lo spot incriminato dal Codacons durante la serata finale dei mondiali di calcio.

L?associazione infatti denuncia oggi la pubblicità televisiva della Tim (tra i protagonisti Christian De Sica) nella quale 4 ragazze viaggiano a bordo di un?automobile cabrio, senza tenere le cinture di sicurezza allacciate.

?L?atteggiamento mostrato nello spot Tim non solo è diseducativo, perché lancia un messaggio contro le regole e contro la sicurezza stradale – afferma il Presidente Codacons Carlo Rienzi ? ma addirittura va contro le leggi vigenti che obbligano il guidatore in primis e i passeggeri a tenere allacciate le cinture di sicurezza. Ma l?atteggiamento della Rai non è meno grave ? prosegue Rienzi ? perché ha trasmesso lo spot anche durante la serata finale dei mondiali di calcio, quando cioè vi è un pubblico enorme dinanzi gli schermi, soprattutto giovani che ricevono un messaggio fuorviante e pericoloso, visti i tanti morti registrati sulle strade proprio a causa della cintura di sicurezza non allacciata?.

L?associazione annuncia quindi un esposto all?Antitrust contro l?azienda in relazione alla pubblicità pericolosa e diseducativa per i giovani e istigatrice a commettere violazioni del codice della strada, e provocatoriamente chiede vengano tolti 10 punti alla patente dei membri del CdA Tim.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this