12 Settembre 2008

TV, “AFFARI TUOI”: IL CODACONS REPLICA ALLA RAI

    IL CASTING RESTA PER NOI ILLEGITTIMO. DEVE PARTECIPARE UN FUNZIONARIO DEL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO A BREVE PARTIRANNO LE PRIME CAUSE RISARCITORIE DA PARTE DI ASPIRANTI CONCORRENTI ESCLUSI DAL GIOCO DEI PACCHI

    Il Codacons replica oggi alle affermazioni della Rai relative alla trasmissione “Affari tuoi”.
    “A nostro parere – afferma il Presidente Carlo Rienzi – tutto il casting fatto all’esterno dalla Endemol rimane illegittimo, in quanto non è controllato dal Ministero dello sviluppo economico, cui deve essere inviato regolarmente e preventivamente ai fini dell’approvazione, a norma del D.P.R. del 2001. A giorni presenteremo inoltre le prime cause risarcitorie da parte di aspiranti concorrenti esclusi dal gioco dei pacchi. Se davvero si vuole garantire massima trasparenza al programma e alla scelta dei concorrenti – prosegue Rienzi – allora deve essere prevista la presenza di funzionari del Ministero durante i casting, per verificare il rispetto dei criteri di scelta”.
    “Quanto all’asserita trasparenza del gioco di cui parla oggi la Rai – prosegue Rienzi – il Codacons chiederà al Consiglio di Stato di rettificare la recente pronuncia su “Affari tuoi”, secondo la quale il fatto che il cosiddetto “infame” sia a conoscenza del contenuto dei pacchi non rappresenterebbe una irregolarità o una ipotesi di interferenza umana nella individuazione dei vincitori e nelle loro scelte, alla stregua di quanto avviene nel “Mercante in fiera”. L’errore del CdS è evidente – spiega il leader del Codacons – poiché il banditore del “Mercante in fiera” non conosce assolutamente le carte vincenti e partecipa al gioco in condizione di parità con gli altri giocatori”.
    Il Codacons diffida quindi la Rai a modificare il regolamento del gioco, nel senso che il banditore non deve essere a conoscenza del contenuto dei pacchi, e che quindi eventuali offerte dell’infame devono essere fatte senza sapere quale sia il contenuto del pacco in possesso del concorrente.
    Per quanto riguarda i criteri di scelta dei giocatori, elencati nel sito della Endemol, l’associazione ne riporta integralmente alcuni, lasciano il giudizio ai cittadini:
    La selezione viene svolta con oggettivi criteri di scelta, in particolare tenendo conto:
    – della capacità di rappresentare efficacemente, attraverso i propri elementi personali distintivi e peculiari, la Regione di appartenenza;
    – della capacità comunicativa, della telegenia (intendendo con questa non solo qualità estetiche, ma, in senso più lato, anche la capacità di suscitare l’interesse del pubblico attraverso la propria immagine);
    – della composizione e della peculiarità del nucleo familiare e/o affettivo.

     
     

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox