13 Dicembre 2006

TV: AFFARI TUOI; CODACONS, SCELTA ASSOCIAZIONE DI COMODO









(ANSA) – ROMA, 12 dic – Due associazioni di consumatori,

CODACONS e ADUSBEF, criticano la scelta di Endemol e Rai “di

scegliersi associazioni di comodo“ ad `Affari tuoi`. Il

riferimento è al `garante` per i telespettatori dell`Unione

nazionale consumatori, avv. Massimiliano Dona, che da ieri è

presente nella trasmissione di Raiuno.

Durante la conferenza stampa del 7 dicembre è stato però

precisato dai dirigenti Rai che dalla fine di febbraio, quando

cioé riprenderà `Affari tuoi` (dopo il primo ciclo che si

chiuderà il 30 dicembre) siederanno nella platea del programma

altri rappresentanti di associazioni consumatori “a

rotazione“.

Per venerdì il Codacons che più volte ha protestato ed

espresso perplessità sulla trasparenza del gioco dei pacchi

quando sarà realizzato in pubblico l`annunciato esperimento

sulle probabilità legate all`uscita dei pacchi.

Il Presidente del Codacons, avv. Carlo Rienzi, replica in una

nota diffusa oggi al fatto che l`associazione starebbe

criticando `Affari tuoi` come ripicca per aver visto rifiutato

dalla Rai un format da lui ideato, insieme ad altri, intitolato

`Il Mercante in fiera` simile, a quanto da lui stesso sostenuto,

proprio al gioco dei pacchi. L`avv. Rienzi non smentisce la

vicenda e spiega nella nota: “Ebbene non solo è vero che il

Presidente del Codacons è offeso e continua a ritenere che il

format sia stato copiato indebitamente dalla RAI, ma la cosa che

più di tutti lo ha offeso e lo offende è che nel format

originario di sua invenzione ovviamente il banditore è onesto,

gioca alla pari con i concorrenti e non conosce il contenuto dei

pacchi, mentre nel copiarlo – è scritto nella nota del Codacons

– la Endemol ha inserito un elemento vietato dalla legge

italiana, il D.P.R. 430/2001, e cioé la conoscenza del

contenuto dei pacchi da parte dell`infame che, quindi, può

indurre il concorrente ad accettare un premio sostitutivo o no

facendo un`offerta maggiore o minore e influenzando il gioco in

modo vietato dalla legge“. Il format dunque, a giudizio del

Presidente del Codacons, sarebbe stato “mal scopiazzato, e

trasformato in un gioco che non ha più la caratteristica della

casualità assoluta“. (ANSA).

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox