31 Ottobre 2015

Tutto pronto per Halloween fra streghe, horror e zucche

Tutto pronto per Halloween fra streghe, horror e zucche
stasera
feste, cene a tema e “scherzetti” nei locali, nelle discoteche e alle
sagre ad ampezzo, rivignano e chiopris viscone gli appuntamenti più
importanti

di Davide Vicedomini Streghe, stregoni, fantasmi, scheletri, mostri, morti viventi: il carnevale dell’ horror sta per vivere la sua notte. È Halloween che si celebra oggi, ultimo giorno di ottobre. Dalle sagre paesane, alle feste nei pub, nei locali notturni e nelle discoteche, la moda americana ha invaso da alcuni anni anche i nostri usi e costumi. E a dirlo sono le cifre. Secondo la stima del Codacons la spesa complessiva tra serate a tema, travestimenti, decorazioni e gadget, si aggirerà in Italia attorno ai 306 milioni di euro, in aumento rispetto al 2014 (+2 per cento). Di media ogni friulano metterà di tasca propria circa 30 euro, la metà, comunque, di un cittadino americano. Nel 2006, prima dell’ arrivo della crisi, giusto per avere un’ idea del trend di crescita, gli italiani spesero circa 250 milioni di euro. “Trick or treat” negli Stati Uniti, “dolcetto o scherzetto” più comunemente per noi italiani: il ritornello da sempre ha contraddistinto la notte stregata, un motivo di svago e divertimento per i bambini. Ma oggi anche i più grandi l’ hanno fatta propria, riprendendo le antiche tradizioni celtiche da cui la festa ha origine. Halloween non è solo costumi, trucchi, travestimenti e maschere che si aggirano indisturbate nella notte, ma anche sinonimo di zucca, la regina dei piatti autunnali. E così anche i locali si sono adeguati con menù a base di questo alimento: dai risotti, ai patè e dal pane alla zucca e alle torte salate. Insomma, negli ultimi anni Halloween è diventato appuntamento imperdibile del calendario del consumismo a 360 gradi. A tal punto che qualche paese ha cavalcato la moda del momento per rilanciare le antichissime tradizioni pagane. È il caso di Ampezzo, che celebra questa notte “La not dalis muars”, la rievocazione del capodanno celtico organizzata dalla Pro Loco Tinisa con il patrocinio del Comune di Ampezzo che ormai è conosciuta in tutto il Triveneto. Al calare del sole, nei cortili e nelle contrade del centro storico, illuminati soltanto da fiaccole, si potranno ammirare i giochi di luce prodotti da “lis Muars” (nel dialetto locale sono, per l’ appunto, le zucche scavate e intagliate che le famiglie usavano portare di casa in casa) esposte lungo tutto il percorso, dai giocolieri e mangiafuoco, avvolti dalla musica e dagli invitanti profumi delle pietanze preparate, circondati da fantastiche figure in un’ atmosfera surreale. Nell’ occasione si potranno gustare tutti i tipici piatti carnici, a cominciare da quelli a base di zucca. Ma la più grande festa di questo periodo è sicuramente quella di Rivignano. Tre giorni di continue rappresentazioni, di spettacoli, balli, luci e fuochi, che culmineranno con la sfilata di costumi originali, la discesa della strega dal campanile, la festa della zucca e il grande mercato proprio nel giorno dei Morti. Il pomeriggio di oggi sarà dedicato ai più piccoli con laboratori creativi e, alle 18, ci sarà il concorso della migliore maschera junior. In serata la piazza sarà invasa da “striis e aganis” e ci sarà il concorso mascherato per la categoria Senior. Domani, i protagonisti saranno gli artisti di strada, i danzatori e gli scampanotadors, mentre lunedì sarà la volta del tradizionale mercato e per concludere, in serata, del celebre “Festival mondiale della canzone funebre”. A Chiopris Viscone, invece, l’ evento di origine celtica, tramandato da generazioni, vedrà accesi al calar del sole i “Musons”, zucche intagliate di svariate forme, colori e dimensioni esposti in pezzi singoli o composizioni più elaborate. A partire dalle ore serali, il paese si animerà quindi di parecchi e multiformi “assemblaggi” di zucche che creeranno un suggestivo e originale spettacolo. Insomma, tanti appuntamenti da non perdere anche in numerosi locali della provincia tra suoni tetri, atmosfere magiche e travestimenti che rendono Halloween il carnevale d’ inverno. Una notte da brividi. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox