23 Marzo 2009

Tutti in aula, si processa il crac CoopCostruttori

Chiedono i danni anche Anas, Commissari, Provincia di Ferrara e Comune di Argenta Sono oltre 500 le parti civili «sicure» che questa mattina si costituiranno davanti al gup

ARGENTA. «Ai tanti cui pochi ha tolto tanto non resta che avere tanta fiducia nella giustizia»: non è solo una scioglilingua, ma è la dichiarazione lapidaria dei tre legali di parte civile, Claudio Maruzzi, Domenico Carponi Schittar e Gabriella Azzalli che rappresentano una 50ina di ex risparmiatori truffati nel crac Costruttori. Questa mattina i legali saranno tra i tanti che chiederanno al gup Monica Bighetti di costituirsi parte civile, all’apertura dell’udienza preliminare in cui il giudice dovrà decidere se accogliere o meno la richiesta di rinvio a giudizio della procura. Il pm Ombretta Volta, titolare dell’inchiesta durata oltre 5 anni aveva concluso chiedendo al gup il processo per 58 persone, tra cui i massimi dirigenti, i componenti dei vari Cda dal 1993 al 2003, tre dirigenti di Lega Coop, tre delle società di revisione che certificarono i bilanci e tre imputati con posizioni marginali: tutti accusati delle più svariate bancarotte. Ma l’imputazione più grave è contestata ai massimi dirigenti Giovanni Donigaglia, Renzo Ricci Maccarini, Beppino Verlicchi e Giorgio Dal Pozzo: per loro associazione a delinquere finalizzata ad un progetto criminoso per reperire risorse finanziarie con operazioni dolose e fraudolente. All’apertura del processo, ci saranno soprattutto le «vittime», una trentina, una delegazione di ex risparmiatori argentani: «Saremo lì dalle 8.30, per una protesta pacifica davanti al tribunale», spiegava ieri pomeriggio, confermando la manifestazione, uno dei portavoce Giovanni Bigoni del Carspac 2-Codacons. Il loro legale Bruno Barbieri presenterà all’udienza la richiesta di costituzione di oltre 400 persone, che si sommerà anche a quelle del Carsapc1: a riguardo, come informava il portavoce Valerio Cellini, a costituirsi saranno 29 soci Carspac1, assistiti dall’avvocato Amati. Gli altri, sono il gruppo argentano di una cinquantina di persone assistite dai legali Maruzzi-Azzalli-Schittar. Prima tra le tante, però, solo per ruolo istituzionale, sarà la costituzione di parte civile dei tre commissari (Nigro, Falini e La Gioia) assistiti dall’avvocato Titta Madia. Quindi saranno presenti enti pubblici e privati raggirati e truffati – secondo le ipotesi accusatorie – dalla Coopcostruttori: tra questi l’Anas. Come già riferito più volte sono 18 gli enti ferraresi e 58 quelli italiani identificati come parti lese: tra questi al momento – da quanto si è appreso – solo il Comune di Argenta e la Provincia di Ferrara si sono costituiti, degli altri – sorpattutto gli enti ferraresi, Comune di Ferrara per primo – non si conosce la decisione che vorranno adottare. Avranno la possibilità di costituirsi domani o nella prossima udienza di rinvio. Rinvio che dovrebbe essere prolungato, per accogliere l’impedimento grave di un legale a presenziare al processo.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox