2 Marzo 2015

TUO FIGLIO E’ PORTATORE DI HANDICAP GRAVE ED E’ STATO DISCRIMINATO NELLE ORE DI FORMAZIONE DA UN ISTITUTO SCOLASTICO DI ROMA? AGISCI CON IL CODACONS

    TUO
    FIGLIO E’ PORTATORE DI HANDICAP GRAVE ED È STATO DISCRIMINATO
    NELLE ORE DI FORMAZIONE DA UN ISTITUTO SCOLASTICO DI ROMA? AGISCI CON
    IL CODACONS!

    In
    questo modo potrai far sì che il minore possa usufruire delle ore di
    sostegno effettivamente necessarie secondo il suo piano educativo
    individualizzato, nonchè per ottenere il risarcimento del danno

    I
    FATTI.
    Purtroppo
    è una prassi molto diffusa nelle scuole della Capitale: nonostante
    venga effettuato un Piano Educativo Individualizzato che attribuisce
    un determinato numero di ore di sostegno al minore con handicap
    grave, la scuola gli assegna, invece, un minor numero di ore,
    trincerandosi dietro una mancanza di fondi, con la conseguenza che si
    verifica una illegittima discriminazione nonché un mancato
    riconoscimento delle garanzie dei diritti dei disabili per il
    conseguimento di quella pari dignità sociale che serve a consentire
    il pieno sviluppo e l’inclusione della persona umana con
    disabilità.

    Gli
    Istituti, quindi, discriminano il minore con handicap grave quando, a
    causa della mancanza di fondi, non riducono anche le ore di
    formazione per i normodotati limitando esclusivamente quelle concesse
    ai ragazzi portatori di handicap.

    LA TUTELA DEI MINORI. Quindi,
    se la scuola non si è attenuta a quanto previsto dal piano
    educativo individualizzato ed ha assegnato al minore un numero di ore
    insufficienti rispetto alla sua situazione patologica, non riducendo,
    allo stesso tempo, le ore di formazione per i normodotati, agisci con
    il Codacons per far valere i tuoi diritti.
    Tale
    azione è volta a tutelare i minori, portatori di handicap gravi ai
    sensi dell’articolo 3, comma 3, della Legge 5 febbraio 1992, n.
    104, ai quali è stato ridotto il numero delle ore di sostegno
    previste dal piano educativo individualizzato per essi appositamente
    studiato.

    Secondo
    la Corte Costituzionale (sentenza n. 215 del 1987) “la
    partecipazione del disabile al processo educativo con insegnanti e
    compagni normodotati costituisce un rilevante fattore di
    socializzazione e può contribuire in modo decisivo a stimolare le
    potenzialità dello svantaggiato
    ”, con la conseguenza che è
    dovere dello Stato (art. 38, comma 4, Cost.) rendere effettivo il
    diritto all’istruzione attraverso “misure di integrazione e
    sostegno idonee a garantire ai portatori di handicaps la frequenza
    degli istituti di istruzione
    ”.

    Anche
    la Cassazione a Sezione Unite, con sentenza n. 25011/2014, ha
    statuito che, in presenza di un handicap grave, l’amministrazione
    deve dare piena attuazione alle misure corrispondenti alle esigenze
    del bambino, individuando la misura in cui il sostegno è necessario
    per quel disabile, indefettibile ed insuscettibile di riduzione o
    compressione in sede di determinazioni esecutive da parte della
    pubblica amministrazione.

    L’INIZIATIVA CODACONS. Ora puoi agire con il Codacons per ottenere le ore di sostegno che effettivamente spettano
    a tuo figlio secondo il piano educativo individualizzato nonchè il
    risarcimento del danno. Il Codacons lancia un ricorso collettivo
    avanti al Tribunale Civile di Roma, contro il Ministero
    dell’Istruzione Università e Ricerca e gli Istituti Scolastici che
    non hanno rispettato ed assicurato le ore di sostegno al minore con
    handicap grave.

    Aderisci
    anche tu al ricorso collettivo del Codacons entro e non oltre
    il 30 settembre 2016.

    Per
    aderire al ricorso segui le indicazioni che troverai cliccando sul
    seguente link.

    Iscriviti
    all’associazione al costo di €. 400,00 ed agisci con il Codacons.

    Affrettati
    anche tu per far valere i tuoi diritti con il CODACONS!

    MA
    E’ NECESSARIO AGIRE SUBITO, ENTRO

    il
    30 settembre 2016!

    Clicca
    qui

    per
    aderire all’azione.

    COSA
    SUCCEDE DOPO.
    Successivamente
    all’iscrizione, riceverai una email con tutte le relative
    istruzioni e documenti che dovrai compilare, firmare e, assieme ai
    documenti richiesti, inviare a TER.MIL.CONS. E’ importante per ogni
    successivo contatto indicare l’indirizzo e-mail ed il numero di
    telefono corretti.


    *Ogni
    adesione pervenuta dopo il 30 settembre 2016 non sarà inserita nel
    ricorso collettivo del Codacons dinanzi al TRIBUNALE CIVILE DI ROMA
    per OTTENERE LE ORE DI SOSTEGNO PREVISTE DAL PIANO EDUCATIVO
    INDIVIDUALIZZATO, OLTRE AL RISARCIMENTO DEL DANNO

    e non verrà restituita la quota
    associativa versata.

    Una
    volta perfezionata l’adesione al ricorso collettivo del Codacons
    dinanzi al TRIBUNALE CIVILE DI ROMA
    ogni successiva
    comunicazione avverrà esclusivamente attraverso email collettive
    indirizzate a tutti coloro che vi hanno preso parte nei tempi e nei
    modi indicati.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox