17 Agosto 2010

Trovati pidocchi sul traghetto per Spalato

UNA TURISTA lamenta la presenza di zecche o pidocchi all’ interno del salone di un traghetto arrivato ad Ancona dalla Croazia: la bonifica prevista da protocollo non scatta a causa delle festività. Sono ancora tutti da ricostruire i fatti segnalati da una passeggera della nave ‘ Ancona’ della compagnia marittima Blue Line che al porto di Ancona è gestita dall’ agenzia Mauro Navigazione. Il presunto disservizio sarebbe stato scoperto durante il viaggio del traghetto partito dal porto di Spalato e diretto a quello di Ancona dove è arrivato nella prima mattinata del giorno di Ferragosto. La signora avrebbe fatto notare ai responsabili di bordo la presenza di diversi insetti che a un primo controllo visivo sono apparsi parassiti, probabilmente delle zecche. L’ inghippo sarebbe emerso durante la navigazione e il personale di bordo, in particolar modo il comandante della nave, una volta preso atto dell’ episodio ha fornito le proprie scuse alla signora che ha anche ottenuto il rimborso del biglietto e una cena offerta dalla direzione. Nonostante tutto la signora una volta scesa allo scalo dorico ha segnalato l’ accaduto a chi di dovere e a quel punto sono partite le indagini. Da quanto è stato possibile ricostruire, la presenza dei parassiti non è stata individuata all’ interno delle singole cabine ma all’ interno di uno dei grandi saloni del passaggio ponte della nave, frequentato da parecchi passeggeri. Una volta attraccata alla banchina del porto di Ancona gli ispettori e le forze dell’ ordine sono salite a bordo disponendo un intervento di bonifica. Purtroppo l’ intervento di bonifica non c’ è mai stato in quanto della società specializzata, ubicata a Jesi, non è stato possibile contattare nessuno per l’ intervento operativo a causa del giorno di Ferragosto. I responsabili della nave non hanno potuto far altro che isolare il salone per l’ intera tratta Ancona-Spalato con il traghetto ripartito la sera di Ferragosto attorno alle 20,30. Il minor numero di passeggeri ha agevolato la limitazione degli spazi visto che la nave è arrivata ad Ancona con 320 passeggeri ed è ripartita con circa 200. Una segnalazione dell’ accaduto è stata fatta anche al Codacons. «I parassiti possono essere stati portati a bordo da passeggeri che hanno viaggiato in treno – commenta Gianni Mauro titolare dell’ agenzia marittima -. Alla signora abbiamo presentato le nostre scuse».
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox