14 Novembre 2018

Troppi permessi ai Tir Esposto del Codacons contro la Prefettura

palazzo di bagno: «il consiglio di stato aveva validato l’ operato dei prefetti. in ogni caso massima disponibilità nei confronti della procura»
Il Codacons ha presentato un esposto alla Procura di Mantova in relazione alle presunte eccessive deroghe ai divieti di circolazione dei Tir rilasciate dalla Prefettura. Nell’ esposto i si chiede alla magistratura di procedere per le possibili fattispecie di abuso e omissione di atti d’ ufficio.In passato, a seguito di un ricorso presentato e vinto dal Codacons al Tar del Lazio in cui si contestava il calendario sui divieti di circolazione dei mezzi pesanti su strade e autostrade e i criteri seguiti per la concessione delle deroghe ai divieti, a giugno il ministero dei Trasporti ha emanato una circolare diretta a tutte le Prefetture in cui si ordina di «effettuare una più particolareggiata e approfondita procedura istruttoria nonché una più attenta valutazione delle motivazioni presenti nelle domande di circolazione in deroga».«Analizzando le autorizzazioni rilasciate dalle Prefetture d’ Italia si scopre come le direttive ministeriali non sarebbero state minimamente eseguite – denuncia il Codacons – nel caso specifico la Prefettura di Mantova avrebbe rilasciato in soli tre mesi (tra giugno e agosto 2018) ben 52 deroghe ai divieti di circolazione, consentendo quindi ai Tir di attraversare strade e autostrade italiane. A un’ attenta lettura tali autorizzazioni sembrano documenti standard e stereotipati che non riportano la concreta ragione giustificativa della deroga. Inoltre le autorizzazioni, anziché essere circoscritte a giornate particolari di “necessità e urgenza”, risultano rilasciate per periodi generalizzati e molto estesi che vanno dal primo agosto 2018 all’ 1 novembre 2018, quindi per tre mesi consecutivi».Quindi, secondo il Codacons, la Prefettura di Mantova, al contrario di quanto impartito dal Mit, non avrebbe posto in essere quella «più particolareggiata e approfondita procedura istruttoria nonché una più attenta valutazione delle motivazioni presenti nelle domande di circolazione in deroga che avrebbe reso l’ Ufficio sicuramente più restrittivo nel rilascio delle deroghe».Per questo il Codacons ha presentato un esposto alla Procura di Mantova, chiedendo di aprire un’ indagine sul caso alla luce della possibilità che siano stati commessi reati di abuso e omissione di atti d’ ufficio, chiedendo al contempo il sequestro delle autorizzazioni in deroga rilasciate e degli atti di accertamento svolti dalla Prefettura.Intanto oggi si riunisce al ministero dei Trasporti la commissione, a cui partecipa anche il Codacons, per stabilire i giorni di blocco di circolazione dei Tir, con il ministro Toninelli che finora è stato piuttosto sollecito nei confronti della lobby dei trasportatori.L’ attenzione del Codacons sui permessi ai Tir risale allo scorso luglio, quando mandò a 104 Prefetture, tra cui quella di Mantova, la richiesta di accesso agli atti, «che noi abbiamo evaso nei termini di legge» sostengono a palazzo di Bagno, puntualizzando che dopo la pronuncia del Tar del Lazio «le istruttorie sono state ancora più approfondite per garantire l’ applicazione della circolare ministeriale».La Prefettura di Mantova ha inoltre provveduto a ridurre a tre mesi il termine di rilascio di queste autorizzazioni, «e il Consiglio di stato in settembre ha validato l’ operato dei prefetti». Da Palazzo di Bagno, in ogni caso, si dà «la massima disponibilità a fornire ogni chiarimento alla Procura». — BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox