15 Marzo 2014

Troppe interpretazioni sulle strisce blu Il comandante dei vigili: «Sono valide»

Troppe interpretazioni sulle strisce blu Il comandante dei vigili: «Sono valide»

“Le aree destinate al parcheggio devono essere ubicate fuori della carreggiata e comunque in modo che i veicoli parcheggiati non ostacolino lo scorrimento del traffico”. Basterebbe leggere questo Comma 6, articolo 7, del Codice della strada per aprire una riflessione sulle tanto amate -odiate strisce blu che delimitano i posteggi. Ma la materia impone un’ estrema cautela perchè, nonostante, il legislatore sia più volte intervenuto mai è stato detto con certezza dove sta la verità. Il dubbio di molti prende quota su una parte del Comma, quando cioè si sofferma su “fuori della carreggiata”. E proprio sulla definizione di carreggiata gira l’ intera vicenda perchè se per alcuni essa è quella parte della strada destinata allo scorrimento dei veicoli, il legislatore – che fa riferimento all’ Articolo 3, Comma 1, Nmero 7 del Codice della strada – aggiunge che è composta da una o più corsie di marcia ed, in genere, è pavimentata e delimitata da strisce di margine. Insomma tutto ed il contrario di tutto come solo in Italia può accadere facendo molta confusione. A sostenere la validità delle strisce blu ad Enna è stato il comandante dei vigili urbani, Aldo Gloria, che così come per le multe dichiarate nulle in caso di “sforamento” dell’ orario, difende quella che sembra essere la norma giusta. “Le strisce blu ad Enna sono valide, la normativa è chiara, basta leggerla con attenzione”. Di casi in cui è stata contestata qualche multa ad Enna non ne sono stati segnalati, ma basta fare qualche passo nel centro storico per capire che i cittadini non sanno quale sia la teoria giusta. Per Rocco Nicosia “come al solito non è facile interpretare le leggi che andrebbero fatte più chiare”. C’ è chi scherza e fa gli scongiuri come Paolo Russo: “Non ho mai preso multe nelle strisce blu e spero di non prenderne mai ma se accadrà proverò a contestarla” sorride l’ automobilista ennese. A supporto di questa teoria c’ è il caso di un automobilista romano che una volta vistosi notificare il verbale ha fatto ricorso al Giudice di Pace ma tutto dipende comunque dall’ interpretazione che il Giudice dà alla norma anche se c’ è un altro aspetto da tenere sott’ occhio ossia la presenza di posteggi liberi nella vicinanza delle strisce blu. Anche qui però, ad oggi, non è stata trovata una linea comune perchè l’ impressione è che il bussiness degli introiti dalle strisce blu è tale da rendere difficile una visione uguale per tutti. Nel frattempo il consiglio per gli automobilisti è quello di non commettere infrazioni che possano indurre in sanzioni laddove insistono le strisce blu.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox