14 Dicembre 2006

Trento, scontro tra treni merci: due morti

Trento, scontro tra treni merci: due morti
La collisione per tamponamento è avvenuta intorno alle 5.35 sulla tratta Verona-Trento, a Borghetto sull`Adige. Le vittime sarebbero due macchinisti

Trento, 13 dic. (Adnkronos/Ign) – Un violento scontro tra due treni merci sulla tratta Verona-Trento, ha provocato la morte di due persone. Le vittime, Walter Mazzi e Giancarlo Maschi, sarebbero due macchinisti. L`incidente è avvenuto all`alba a Borghetto sull`Adige, nella zona di confine fra il Trentino ed il Veneto. Il Ministro dei Trasporti, Alessandro Bianchi ha disposto la nomina di una Commissione d`inchiesta al fine di accertare le cause dello scontro. La commissione è composta dal professore dell`Università La Sapienza di Roma, Gabriele Malavasi, in qualità di presidente, e dagli ingegneri Gennaro Scagliarini e Pasquale Saienni. “L`inchiesta del ministero dei trasporti – si legge in una nota- dovrà stabilire entro 60 giorni le cause di questo incidente. Alle famiglie dei macchinisti che hanno perso la vita, Walter Mazzi e Giancarlo Maschi, desidero manifestare il cordoglio dell`intero governo e mio personale“. Cordoglio alle famiglie è stato espresso anche dal Fast Ferrovie. L`incidente è avvenuto intorno alle 5.35: un treno merci ne ha tamponato un altro fermo ad un semaforo rosso all`altezza della fermata di Borghetto sull`Adige tra Ala e Peri. A perdere la vita sono stati proprio i due macchinisti alla guida del convoglio che ha tamponato l`altro treno. I Vigili del Fuoco dopo aver estratto dalle lamiere i corpi delle due vittime, hanno dato via alle operazioni di sgombero dei vagoni. La circolazione ferroviaria sulla linea Verona-Brennero è stata bloccata. In seguito alla collisione, i primi due treni Venezia-Monaco e Milano-Monaco sono stati deviati via Tarvisio, mentre i treni successivi a Lunga Percorrenza saranno sostituiti da un servizio bus tra Verona e Bolzano. Per il servizio regionale tra Trento e Verona, è stato messo a disposizione un servizio bus tra le stazioni di Rovereto (Tn) e Domegliara (Vr). Quanto alle cause dell`incidente, Silvano Grisenti, assessore provinciale alla Protezione Civile e ai Trasporti di Trento, non si dice possibilista sull`ipotesi che possa trattarsi di errore errore umano. “La rete è completamente gestita da un sistema informatizzato – ha dichiarato Grisenti ai microfoni di `Rtl` 102.5 -, quindi mi sembra strano che si sia trattato di un errore umano c`è qualcos`altro, che dovrà essere per forza chiarito dalle Ferrovie e dal magistrato, perché con due morti sulla rete è affare della magistratura….“. Mentre, in merito alla violazione dell`alt del semaforo rosso da parte di uno dei due treni, l`assessore ha detto: `Non lo sappiamo ancora“ aggiungendo “stiamo lavorando alacremente, perché questo incidente sta provocando disagi enormi in tutta l`area interessata, ma non sappiamo ancora quantificare quanto tempo ci vorrà per ripristinare la linea“. Il Codacons, intanto, coglie l`occasione per ribadire il `no` all`aumento delle tariffe ferroviarie. “L`incidente ferroviario avvenuto oggi in Trentino – ha commentato il presidente Carlo Rienzi – è la dimostrazione che ogni aumento delle tariffe ferroviarie è allo stato impensabile e inopportuno“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this