fbpx
9 Dicembre 2017

Treni, una giornata di ritardi

LA NECESSITÀ di verificare se un treno in transito sulla linea Bologna-Padova, nel tratto compreso tra Rovigo e Sant’ Elena in Veneto, avesse investito una persona, ha creato, ieri pomeriggio, forti ritardi al traffico ferroviario. La viabilità su rotaia è stata bloccata intorno alle 14,30, quando il capotreno ha segnalato di aver avvertito un forte urto. Dai primi accertamenti, sono state riscontrate alcune tracce di sangue sul convoglio in transito in quella parte di Veneto: come richiesto dall’ autorità giudiziaria, è stato disposta la chiusura della linea, per permettere alla Polfer di effettuare tutte le verifiche e capire se il treno avesse investito qualcuno. Fortunatamente, le verifiche hanno dato esito negativo. Tuttavia, il blocco ha causato forti ritardi, anche di due ore, per i treni che da Bologna erano diretti verso il Veneto. DUE regionali sono stati soppressi, mentre i treni a lunga percorrenza sono stati deviati sulla linea per Verona, che è stata riaperta alle 16,30 e alle 17.15 i treni sono ripartiti. «Il ritardo è stato comunicato a tutti i passeggeri, fermi non a bordo dei convogli, ma alle stazioni – comunica Trenitalia – sia sul sito che direttamente in stazione». Alcuni utenti si sono rivolti al Codacons che «contro l’ ennesimo disservizio annuncia un esposto alla Procura di Bologna – come scrivono -. Attiveremo sul sito la procedura attraverso la quale i passeggeri coinvolti nel blocco potranno chiedere il risarcimento danni e il rimborso integrale del biglietto».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox