18 Luglio 2010

Treni ancora in ritardo e caldo torrido

 
QUARTO D’ ALTINO. Non solo caldo, ma anche ritardi. Bastasse l’ afa e l’ aria condizionata che in molte carrozze non funziona. Ad inquietare i viaggi dei pendolari altinati, così come delle stazioni limitrofe (vedi Gaggio ma anche Meolo) ci sono i consueti ritardi. La segnalazione arriva ancora una volta dal responsabile Codacons e portavoce dei pendolari Luciano Ferro, il quale documenta instancabilmente con foto, ogni disservizio. «Venerdì sera – spiega – verso le 20 mi sono recato alla stazione di Quarto. Il treno delle 19.39 per Venezia portava 45 minuti di ritardo. Tutti i giorni ci sono ritardi e soppressioni». Domanda Ferro: «Ma che servizio è questo? Invito la Regione a rivedere il contratto stipulato con Trenitalia per capire se ci sono gli estremi per gli utenti di ottenere un lauto risarcimento per i disservizi quotidiani che devono sopportare e se i loro dipendenti alla guida del treno debbano affrontare un lungo viaggio in condizioni climatiche pietose ed africane, mettendo a repentaglio la loro sicurezza e quella dei pendolari». Solo due giorni fa Ferro aveva protestato per le condizioni di chi ogni giorno prende il treno per andare al lavoro a Venezia e tornare a casa, con il caldo torrido. Il residente ha portato con sé il termometro per misurare la temperatura, che in alcune carrozze sfiora i 38 gradi. (m.a.).

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox