23 Maggio 2017

TRAVOLTA DA TAXI: CONDUCENTE INDAGATO OMICIDIO STRADALE

    CODACONS: SE STRISCE STRADALI SCOLORITE O NON VISIBILI COMUNE DI ROMA DOVRA’ ESSERE INDAGATO PER CONCORSO IN OMICIDIO STRADALE

    LO PREVEDONO LE NUOVE NORME SULLA SICUREZZA STRADALE

    Se le strisce pedonali di via dell’Amba Aradam – dove ha perso la vita una 16enne investita da un taxi – risulteranno scolorite o non chiaramente visibili agli automobilisti, il Comune di Roma dovrà essere indagato per concorso in omicidio stradale. Lo afferma il Codacons, che solo poche settimane fa aveva denunciato lo stato critico degli attraversamenti pedonali della capitale.
    “Troppe sono le strisce pedonali in città talmente scolorite da essere invisibili agli automobilisti – spiega il presidente Carlo Rienzi – Una situazione pericolosissima perché mette a rischio la sicurezza dei pedoni, come dimostrano gli ultimi dati che registrano a Roma 270 morti solo nel 2016 tra pedoni e ciclisti”.
    “Per tale motivo chiediamo alla Procura di accertare lo stato delle strisce pedonali dove ha perso la vita Alice Galli e, se le zebre risulteranno scolorite o poco visibili agli automobilisti, indagare l’amministrazione comunale per concorso in omicidio stradale, così come previsto dalle recenti norme entrate in vigore in Italia, secondo cui gli enti locali sono responsabili per gli incidenti che avvengono a causa del cattivo stato di manutenzione delle strade” – conclude Rienzi.
    Il Codacons annuncia infine che si costituirà parte offesa nell’indagine aperta dalla magistratura in rappresentanza degli utenti romani.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox