23 Maggio 2021

TRASPORTI, SCANDALO RINA SU SICUREZZA NAVI DA CROCIERA: CODACONS CHIEDE SEQUESTRO IMMEDIATO DELLE NAVI COINVOLTE NELL’INDAGINE

    ISTANZA URGENTE A MINISTERO DEI TRASPORTI E AUTORITA’ PORTUALI DI TUTTA ITALIA. CLAMOROSA INTERCETTAZIONE RESA PUBBLICA DAL CODACONS IN CUI SI EVIDENZIA L’ABUSO D’UFFICIO E LA CORRUZIONE DEI CONTROLLORI

    TUTELARE LA SALUTE DEI PASSEGGERI CHE POSSONO ORA COSTITUIRSI PARTE OFFESA CONTRO RINA

    Dopo le gravi irregolarità emerse nell’ambito dell’indagine della Procura di Genova su Rina (Registro navale italiano), con le certificazioni sulla sicurezza della navi da crociera che sarebbero state falsificate e aggiustate anche dopo stragi e incidenti navali gravissimi, scende in campo il Codacons, che chiedo il blocco di tutte le imbarcazioni coinvolte nell’inchiesta della magistratura.
    Presenteremo domani una istanza urgente al Ministero dei trasporti e alle autorità portuali di tutta Italia chiedendo di porre sotto sequestro le navi coinvolte nell’indagine della Procura di Genova – spiega il Codacons – L’inchiesta della magistratura (con 47 indagati fra esponenti del Rina e della Guardia costiera) riguarderebbe infatti numerose imbarcazioni di diverse società, come la Caribbean Fantasy; la Mega Andrea, Mega Smeralda e Mega Express Five (Corsica Ferries), Venizelos, Silver Pearl, Sundaisy, Aurora D., Sardinia Regina, Epsilon, Iver Bitumen, Levante, Vos Thethys, Reina Christina, Mamitsa.
    Navi che ora, a tutela della sicurezza dei passeggeri, devono essere bloccate nei porti in attesa dei dovuti accertamenti. Non solo. In favore degli italiani che hanno viaggiato su tali mezzi, il Codacons chiederà i nominativi di tutti i passeggeri che hanno effettuato crociere sulla navi oggetto di indagine, al fine di consentire loro di costituirsi parte offesa nell’inchiesta della Procura e chiedere un risarcimento qualora dovessero essere confermati gli illeciti contestati a Rina.
    Intanto tutti i passeggeri della Costa Concordia naufragato all’Isola del Giglio, e della Norman Atlantic, così come i parenti delle vittime di entrambi i naufragi, possono costituirsi parte offesa dinanzi la Procura di Genova, utilizzando il modulo che sarà pubblicato domani sul sito del Codacons.
    Sui controlli eseguiti da Rina sulle navi da crociera, il Codacons rende oggi pubbliche le intercettazioni emerse nell’ambito dell’inchiesta sul naufragio della Costa Concordia, da cui emergerebbero irregolarità e abusi rimasti finora impuniti. Intercettazione clamorosa a questo link.

    Il Fatto Quotidiano 22 Maggio 2021-8
    Il Fatto Quotidiano 22 Maggio 2021-9

        Previous Next
        Close
        Test Caption
        Test Description goes like this
        WordPress Lightbox