30 Novembre 2007

Trasporti, oggi paralisi totale

Tutti fermi. Aerei, treni, navi, trasporti locali. Per i sindacati si sciopera “contro il governo insensibile e contro i tagli in finanziaria“ g.sal. Non succedeva da 25 anni. Oggi l`Italia non si muove. Sciopera l`intero settore dei trasporti. Tutti fermi: aerei, treni, trasporto pubblico locale, navi, soccorso stradale e anche autonoleggio. Uno stop così generale da preoccupare anche la protezione civile. Il Codacons lo ritiene illegale e ha chiesto che venga impedito. Per il garante però, sono assicurati i servizi minimi, dunque lo sciopero è regolare. I sindacati ieri lo hanno confermato. Si tratta di una protesta “contro l`immobilismo del governo e le scarse risorse riservate dalla finanziaria per rilanciare il sistema dei trasporti“. Esiste da due anni – spiegano – una “cabina di regia“ apposita che non si muove. E contemporaneamente molte aziende sono in crisi, Alitalia, Tirrenia e Ferrovie su tutti. “La protesta – scrivono Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti – è stata indetta per una politica dei trasporti contro i tagli delle risorse, per il superamento delle crisi aziendali, per le regole, i contratti, le clausole sociali e la tutela del reddito. Le crisi sono destinate ad aggravarsi a seguito delle conclusioni della finanziaria. In queste condizioni sono inevitabili pesanti effetti sui lavoratori e sui rinnovi contrattuali mentre le attese dei cittadini rimangono senza risposte“. Una scelta sofferta ma necessaria, secondo Claudio Claudiani, segretario generale della Fit-Cisl. “Il governo ancora una volta ha disatteso gli impegni presi. Tutte le iniziative del sindacato si sono arenate contro il muro di gomma alzato dall`esecutivo. Lo sciopero si svolgerà nel massimo rispetto delle regole ma di fronte alla sordità del governo va fatto“. Altrettanto chiaro il segretario generale della Uilt, Giuseppe Caronia: “E` uno sciopero politico. Contro il governo. I veti del ministero del Tesoro non hanno consentito il concretizzarsi delle buone intenzioni“. Ecco dunque le modalità dello stop. Gli aerei non volano dalle 11 alle 15. I treni invece sono fermi dalle 9 alle 17 (numero verde di Fs 800892021 per informazioni su tutti i convogli cancellati). Sono in sciopero anche i lavoratori delle pulizie, della manutenzione e della ristorazione. I traghetti ritardano di 24 ore l`orario di partenza. Il soccorso stradale non è operativo dalle 7 alle 15 e gli autonoleggi scioperano dalle 9 alle 17. Otto ore di stop anche per il trasporto locale. A Roma mezzi fermi dalle 8,30 alle 16,30. A Milano dalle 8,45 alle 15 e dalle 18 alle 19,45. Napoli dalle 9,20 alle 17. Torino, da inizio servizio alle 6 dalle 9 e alle 12 e dalle 15 alle 18. Genova dalle 9,30 alle 17. Bologna dalle 8,30 alle 16,30. Venezia dalle 9,30 alle 13,30 e dalle 19,30 alle 23,30. Firenze dalle 15,15 a fine Servizio. Scioperano anche il trasporto merci e persino i trasporti funebri. Chi si lamenta, a piedi o imprigionato in auto la prenda con filosofia o se la prenda con chi di dovere: solo quando il servizio pubblico decide di fermarsi ci si accorge di quanto sia indispensabile. Muovetevi senza. Se ci riuscite.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox