23 Giugno 2016

Trasporti gratuiti per gli studenti vietati nel Vallo ed il Codacons scrive a De Luca

Trasporti gratuiti per gli studenti vietati nel Vallo ed il Codacons scrive a De Luca

VALLO. Trasporti gratuiti per tutti gli studenti campani tranne che per i valdianesi. E così il Codacons Campania scrive al Presidente della Regione, Vincenzo De Luca, per esporre la gravità della questione. «Il 1° giugno 2016 sarà una data da ricordare per studenti e famiglie, soprattutto nel Vallo di Diano – scrive il responsabile Codacons del Vallo, Roberto De Luca -. Da quella data, gli studenti fino al 26° anno di età residenti in Campania, in possesso di idoneo ISEE, possono presentare al Consorzio Unico Campania la richiesta di abbonamento annuale gratuito. Per questa iniziativa molte famiglie della nostra regione ringrazieranno Lei e la Sua Giunta. Ma gli studenti e le famiglie del Vallo di Diano non potranno unirsi ai ringraziamenti». Il Codacons spiega poi le motivazioni della mancanza delle agevolazioni per gli studenti valdianesi: «Gli abbonamenti scolastici per i trasporti su gomma per gli istituti scolastici del Vallo di Diano e l’ Università degli Studi di Salerno, a Fisciano, sono oggi possibili solo con imprese di autotrasporto viaggiatori che, purtroppo, non appartengono al Consorzio Unico Campania. Di fatto, pertanto, i nostri studenti resteranno esclusi dai benefici previsti dalla Regione, a causa di un’ organizzazione arcaica del trasporto pubblico locale. La questione evidenzia, ancora una volta, la necessità di un sistema di trasporti, anche nel Vallo di Diano, fondato sull’ integrazione ferro gomma. Se tra qualche anno l’ Università di Salerno a Fisciano sarà collegata a Salerno direttamente con treni, gli stu denti del Vallo di Diano resteranno esclusi, ancora una volta, dalla possibilità di viaggiare su di un mezzo comodo come il treno che permetta loro anche di studiare durante il viaggio, se necessario. I cittadinI del Vallo di Diano non molti anni fa contavano su treno, tribunale, ospedale DEA1, casa circondariale gioiello, rete stradale discreta. Oggi è privo di queste prerogative, sbeffeggiato da leggi che mettono il dito nella piaga dello stato marginalizzato del territorio». (vda)
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox