17 Marzo 2006

Tralicci caduti per colpa di scarsa manutenzione



Dopo due anni qualcosa si muove. La perizia dell`ingegner Giovanni Stagni di Bologna lascerebbe pochi dubbi. Quei tralicci della luce sarebbero caduti a causa di una scarsa manutenzione. Il black out che mandò in tilt mezzo Polesine poco più di due anni fa dunque, poteva essere evitato. Nell`aprile del 2004 scattarono i primi sequestri di tralicci. L`inchiesta coordinata dal sostituto procuratore Silvia Ferrari venne affidata ai carabinieri. Il compito degli investigatori era quello di verificare se le strutture erano o meno in regola per evidenziare eventuali responsabilità sull`accaduto. Come si ricorderà, a causa di un`abbondante nevicata, nel febbraio del 2004 mezzo Polesine venne interessato da un black out di energia elettrica che mise in difficoltà migliaia di famiglie costrette al freddo e al buio anche per sei giorni di fila. Una situazione in alcuni casi divenuta insostenibile e che spinse la magistratura a svolgere verifiche. Partirono degli esposti del Codacons veneto e del sindaco di Rovigo che, con due differenti missive, avevano invitato la Procura rodigina ad indagare sull`accaduto. Nell`esposto del Codacons si ipotizzavano i reati di interruzione di servizi di pubblica utilità – collegandola eventualmente alla mancata manutenzione o al mancato controllo delle linee – di turbativa delle attività commerciali e produttive, di omissione o abuso d`ufficio, e di omissione indiretta di soccorso ad anziani, bambini e malati per mancata informazione delle autorità competenti e degli utenti previo utilizzo dei mezzi di comunicazione sulla durata e sugli effettivi danni del black out. Il Procuratore della repubblica di Rovigo aveva suggerito anche l`ipotesi di disastro colposo. I sindacati avevano individuato nella “politica dei tagli“ adottata dall`Enel negli anni passati, la causa principale di quanto avvenuto. In particolare la Cgil di Rovigo con una nota stampa aveva denunciato che “da tempo le logiche economiche e finanziarie che oggi governano l`Enel, prevalgono sulla natura di servizio industriale della maggiore azienda italiana che fornisce un servizio essenziale alla comunità“. Il sindacato chiedeva in sostanza “assunzioni di personale per effettuare le attività ordinarie e combattere il progetto di riduzione del personale reperibile“ che non riusciva più a far fronte anche agli eventi eccezionali e sollecitava gli investimenti per migliorare l`affidabilità degli impianti. Secondo fonti della Cgil, nel Veneto il personale operativo tecnico dell`Enel era diminuito del 60 per cento negli ultimi dieci anni. Per la Cgil occorrevano dunque nuove assunzioni (minimo 200 persone) da destinare ai reparti operativi in difficoltà.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this