15 Marzo 2009

Tragedia sfiorata sul viadotto Autocarro perde la gomma, coppia di centauri ferita

Ennesimo incidente su un tratto stradale da anni nel mirino

In ospedale hanno avuto solo sette giorni di prognosi. I due giovani centauri, travolti venerdì sera da una gomma caduta da un mezzo pesante, mentre erano a bordo del loro scooter, stanno bene. Ma l’incidente – l’ennesimo verificatosi sul viadotto Gatto – conferma la pericolositá di un tratto stradale più volte finito nel mirino delle polemiche, dopo essere stato teatro di scontri fatali e di sinistri di notevole entitá. " Erano da poco trascorse le 20.30 quando da un autocarro in transito sul viadotto, si è staccata una gomma di grosse dimensioni, che ha iniziato a rotolare prendendo velocitá. " La fortuna ha voluto che tra il mezzo pesante ed il motorino ci fossero diverse autovetture che hanno contribuito a "frenare" la corsa del pesante cerchione che avrebbe potuto trasformarsi in un’arma mortale. Quando la gomma ha colpito lo scooter aveva perso velocitá perchè era andata precedentemente a toccare i parafanghi di almeno due macchine bloccate nel traffico.I due giovani centauri sono caduti sull’asfalto. Entrambi indossavano il casco e nell’urto, hanno riportato solo ecchimosi e contusioni. Sul posto sono immediatamente giunti gli agenti della polizia municipale e gli operatori del "118" che hanno prestato le prime cure ai feriti per poi accompagnarli al pronto soccorso del "Ruggi". " In più occasioni il viadotto è stato teatro di incidenti fatali e di tragedie scampate. Impossibile dimenticare l’assurda morte della giovane Greta Nicodemo, travolta da un tir impazzito mentre stava prendendo lezioni di guida con il suo istruttore, anch’egli rimasto ferito. Inoltre è capitato più volte che autocarri e tir abbiano perso gomme o addirittura rimorchi, che si sono trasformati in schegge impazzite causando sinistri di notevole entitá. " Un problema di mancato drenaggio del manto stradale, di pendenza, di visibilitá: da anni tecnici e amministratori si interrogano sulle cause della pericolositá di un tratto stradale particolarmente contestato.  Il Codacons, l’associazione che tutela i consumatori, giá nel dicembre del 2005 diffidò il Comune per la presenza di buche su un tratto stradale insicuro. " A peggiorare la situazione il fatto che l’asfalto del viadotto non è drenante. Dunque ogni volta che piove, i mezzi pesanti in discesa rappresentano un rischio per gli automobilisti, dal momento che i freni, gi? messi a dura prova dalla pendenza della strada, possono cedere. " Di qui la proposta – avanzata anche da diversi esponenti politici oltre che da comitati di quartiere- di ripristinare il doppio senso per i veicoli leggeri su via Croce.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox