23 Giugno 2002

Tracce in rete: inchiesta della Procura

MATURITÀ. DOMANI TERZA PROVA

Tracce in rete: inchiesta della Procura


Dirittura d`arrivo per le prove scritte dell`esame di maturità. Lunedì infatti i 463.000 maturandi affronteranno il temuto questionario multidisciplinare: terza e ultima prova prima del colloquio orale. Ogni commissione d`esame ha già formulato i quesiti da sottoporre agli studenti. Ciascun istituto dunque avrà dei test diversi scelti e confezionati dalle stesse commissioni d`esame secondo alcune regole generali. Il questionario deve contenere non più di cinque materie e sono previste diverse tipologie: quesiti a risposta singola e multipla, trattazione sintetica di alcuni argomenti, analisi di casi pratici, problemi a soluzione rapida, sviluppo di progetti. Gli studenti tuttavia non dovrebbero temere sorprese dell`ultimo minuto perché la prova sarà molto simile alle simulazioni ed esercitazioni effettuate durante l`anno scolastico insieme ai loro insegnanti, che poi sono i commissari d`esame.
Intanto resta aperta la questione sulle fughe di notizie circa le tracce dei temi: ieri la Procura di Roma ha aperto un fascicolo per «rivelazione di notizie che devono restare segrete» in relazione alla diffusione su internet delle tracce delle prove scritte assegnate ai giovani maturandi. Così proprio lunedì mentre sui banchi gli studenti saranno impegnati al loro test, il fascicolo potrebbe passare dall`ufficio primi atti alla scrivania del pm scelto dal computer della procura di Roma. Anche quest`anno, come spesso è accaduto nelle passate sessioni d`esame, le «talpe» all`interno delle scuole si sono dimostrate più abili di commissari e presidenti, riuscendo evidentemente a «dribblare» i controlli. Questo nonostante il ministero avesse ribadito l`assoluto divieto dell`uso dei cellulari: pena l`annullamento delle prove. Il Codacons annuncia che si costituirà parte civile nell`inchiesta aperta dalla Procura di Roma.
Terminato il questionario multidisciplinare rimarrà l`ultimo ostacolo da superare: gli orali. Ogni istituto avrà i suoi tempi. Spetta infatti alle singole commissioni decidere la data di inizio. Presumibilmente agli inizi di luglio in modo di lasciare più tempo possibile alle meritate vacanze di studenti e professori.
Nei giorni che passano tra la fine degli scritti e l`inizio degli orali i ragazzi passeranno il loro tempo alla correzione della tesina che deve essere obbligatoriamente presentata e che non necessariamente deve affrontare un solo argomento. Il regolamento prevede anche tesine multimediali. I ragazzi dovranno poi ripassare il programma dell`intero anno scolastico visto che potranno essere interrogati su tutte le materie. Si tratta della valutazione globale della loro preparazione che non potrà superare i 35 punti. Ai professori spetterà poi il conteggio del voto finale. Per calcolarlo si sommano il credito scolastico (per un massimo di 20 punti) e i punti ottenuti con le prove. Per le prove scritte: il punteggio massimo per ciascuna prova è 15, per un totale di 45. Il punteggio minimo per la sufficienza all`esame di maturità è 60/100.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox