11 Agosto 2020

Tra virus e normalità

un’ anziana (con patologie) muore di covid tre nuovi casi positivi e nessun sintomatico era dal 2 agosto che non si registravano decessi per coronavirus nel piacentino, quest’ ultimo porta a 969 il conteggio più amaro
Il Covid si è portato via un’ altra vita. Si tratta di una paziente ultra ottantenne ricoverato in tempi piuttosto recenti. La donna, oltre al virus, era però gravato da diverse patologie. Dopo una tregua che durava dal 2 di agosto, Covid torna a colpire e porta a 969 la contabilità più amara dei decessi nel Piacentino. Nel caso specifico sono stati subito effettuati i controlli per accertare i contatti avuti e si è potuto escludere un focolaio. Si tratta dell’ unico decesso avvenuto in regione secondo il bollettino quotidiano il quale, nella nostra provincia, segnala altri tre nuovi casi di positività accertati, ma nessun sintomatico, il che 39 porta 4.677 i casi piacentini a fronte dei 3.808 a Parma (invariato), 5.175 a Reggio Emilia (+3, di cui 2 sintomatici), 4.198 a Modena (+10, di cui 4 sintomatici), 5.376 a Bologna (+14, di cui 7 sintomatici); 437 casi a Imola (invariato), 1.103 a Ferrara (+3, di cui un sintomatico); 1.189 a Ravenna (+4, di cui un sintomatico), 999 a Forlì (invariato), 849 a Cesena (+1, sintomatico) e 2.349 a Rimini (+1, sintomatico). Complessivamente sono 39 i nuovi casi positivi, di cui 22 asintomatici come risulta da screening regionali e attività di tracciamento. Nello specifico, dei 22 nuovi casi asintomatici, 12 sono stati individuati grazie all’ attività regionale di tracciamento, 9 grazie ai test introdotti dalla Regione sulle categorie professionali più a rischio come gli addetti della logistica e della lavorazione carni, mentre un caso è stato individuato grazie ai test pre -ricovero. Complessivamente dei 39 nuovi casi più della metà (20) erano già in isolamento al momento dell’ esecuzione del tampone. Dall’ inizio dell’ epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 30.160 casi di positività, I casi di importazione. Sono in totale 10 i casi positivi di persone di rientro dall’ estero: per tutti i viaggiatori di ritorno dai paesi extra Schengen la Regione ha già previsto da luglio il doppio tampone naso -faringeo durante l’ isolamento fiduciario, mentre è in fase di approvazione un nuovo protocollo per la gestione di tutti i casi di rientro dall’ estero, dai viaggiatori agli assistenti familiari e i lavoratori stranieri. A Bologna 5 sono i casi registrati di rientro dall’ estero (di cui 2 riconducibili al focolaio già noto dei ragazzi in vacanza a Malta, mentre 3 casi sono di una famiglia che aveva viaggiato a Parigi) anche a Modena 3 casi riguardano i rientri dall’ estero. Un ultimo caso, infine, è stato ricondotto a uno dei focolai relativi ai rientri di giovani dalle vacanze in Grecia. I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a oggi sono 1.791 (31 in più di quelli registrati ieri). Le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 1.708 (+33 rispetto a ieri). Restano 4 i pazien ti in terapia intensiva. Da registrare infine una risposta dell’ assessore Raffaele Donini ai familiari degli anziani deceduti nelle Rsa riuniti i n comitato e con supporto di Codacons (Libertà ne ha riferito): «Non solo non abbiamo secretato nulla: io e la vicepresidente Schlein abbiamo già ricevuto e incontrato chi ne ha fatto richiesta, senza mai nascondere niente». «Da parte nostra – ha aggiunto l’ assessore – continueremo nel dialogo, come stiamo già facendo, con molti familiari di persone decedute nelle Cra. Dunque non c’ è assolutamente nulla che la Regione possa né voglia na scondere»._red.cro.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox