10 Agosto 2019

Tra i gialloverdi volano gli stracci Giorgia Meloni esulta: “Pronti al voto” dell’ aumento dell’ Iva

M La crisi di governo riporta lo spread a quota 240 punti. Il ritorno del differenziale tra Btp e Bund a livelli che non si vedevano da fine giugno, accompagnato da un’ impennata dei rendimenti di 17 punti base anche nell’ asta di Bot a 12 mesi da 6,5 miliardi di euro tenutasi in mattinata, va ancora una volta a colpire prima di tutto il comparto bancario, il più esposto sui titoli di Stato. A fine giornata le performance peggiori sono quelle di Banco Bpm, che cede oltre 9 punti percentuali, Ubi Banca (-8,42%) e Bper (-7%). Ma anche Intesa Sanpaolo e Unicredit vedono rosso, con arretramenti rispettivamente del 3,63% e del 5,13%. Si trascina in basso l’ indice di riferimento Ftse Mib – notoriamente `bancocentrico’ – in calo di quasi due punti e mezzo percentuali. Anche dall’ economia reale a levarsi sono voci di allarme. I consumatori temono l’ attivazione delle clausole di salvaguardia con conseguente scatto in avanti dell’ Iva dal 2020: una batosta da 1.200 euro a famiglia che il Codacons vede ormai come inevitabile. M.V.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox