31 Agosto 2010

Torna il contestato autovelox Ma stavolta è “preannunciato”

Torna il contestato autovelox Ma stavolta è «preannunciato»
 

– F ORMIGINE – DOPO UN PERIODO di assenza che ha coperto praticamente l’ arco dell’ intera estate, sulla Modena Sassuolo, all’ altezza dell’ uscita per Corlo, è ricomparso l’ autovelox mobile della polizia municipale formiginese. L’ occhio elettronico è finito al centro di prolungate polemiche nel giugno scorso. Un dibattito acceso nato dalle proteste ripetute di alcuni automobilisti che lamentavano le modalità di utilizzo dell’ apparecchio. Per molti dei cittadini che percorrono il tratto, e che hanno inondato la nostra redazione di segnalazioni, il velox veniva utilizzato in modo improprio, vista la posizione del cartello che doveva annunciarne la presenza, posizionato come hanno dimostrato diverse fotografie, a pochi metri dall’ apparecchio per la rilevazione della velocità degli automobili. In alcuni casi direttamente attaccato all’ apparecchio. Un’ accusa respinta più di una volta dal comandante della polizia municipale di Formigine, Mario Rossi, il quale ha sempre definito il cartello come «un rafforzativo del segnale fisso che si incontra lungo la strada. Un modo insomma per avvertire, con ancora più evidenza, gli automobilisti della presenza dei controlli alla velocità in corso». A SEGUITO dei numerosi articoli apparsi sul nostro giornale, ma soprattutto dopo l’ intervento del prefetto di Modena, Benedetto Basile, e, non ultima, la recente introduzione del nuovo codice della strada, l’ autovelox, come ci hanno fatto sapere con soddisfazione i nostri lettori, ora è segnalato in modo tale da non lasciare spazio a polemiche e malumori. IL CARTELLO MOBILE è stato posizionato, ci fanno sapere gli automobilisti, a una distanza entro i 400 metri dallo strumento, in maniera tale da avvertire per tempo chi percorre quel tratto. L’ amministrazione comunale formiginese, come d’ altronde aveva annunciato, ha dunque applicato i suggerimenti arrivati via lettera dal prefetto Basile che domandava una maggiore visibilità della segnaletica utilizzata. VELOX RICOMPARSO , resta da risolvere un altro aspetto della polemica estiva che ha interessato l’ estate formiginese: quello dei ricorsi. Capofila delle proteste contro le modalità dell’ utilizzo dell’ occhio elettronico è infatti diventato presto il Codacons che con il segretario modenese, Fabio Galli, ha promesso battaglia davanti al giudice di pace, raccogliendo tutti i verbali degli automobilisti che non intendono pagare la sanzione. Decine le contravvenzioni accumulate nell’ ufficio del Codacons. Ma per sapere come andrà a finire la parte giudiziaria della faccenda bisognerà attendere ancora un po’ di tempo.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox