8 Dicembre 2017

Da Torino a Ragusa, ecco dove comperare il panettone del 2017

 

Da Torino a Ragusa, ecco dove comperare il panettone del 2017-di Camilla Rocca8 dicembre 2017Il Codacons prevede un Natale decisamente roseo, con una spesa finalmente in crescita per la cena di Natale e per il comparto panettoni che cresce di un +1,7% e un prezzo medio di 19,90 euro, fino a un massimo di 195 euro a panettone. E proprio il dolce d’ eccellenza del Natale meneghino sarà protagonista sabato 16 e domenica 17 dicembre a partire dalle ore 16.30 in galleria Vittorio Emanuele II a Milano: Guinness dei Primati annunciato per il panettone più grande del mondo con 140 kg per 2 metri di altezza preparato dalla pasticceria San Gregorio,1.200 fette da distribuire a tutti i presenti. Un viaggio per l’ Italia per selezionare i panettoni più sfiziosi, che arricchiscano la tavola di questo Natale 2017, partendo da Milano, città natale del panetùn.Galileo ReposoAi piedi della madonnina il panettone di Galileo ReposoCaffè, cioccolato bianco e pistacchio: un ricetta elegante e sfiziosa come si addice alla gastronomia più pettinata e golosa della cittÃ. Da Peck il pasticcere Galileo Reposo ha realizzato un soffice impasto con profumo di caffè e una glassa con a pioggia pistacchi interi.MarchesiMarchesi: storicità del Panettone a MilanoSimbolo della “milanesitÔ dal 1824, anno della sua fondazione, la pasticceria Marchesi si è triplicata nel tempo e allo storico negozio di Via Santa Maria alla Porta si sono aggiunti quelli di Via Monte Napoleone e Galleria Vittorio Emanuele II. Su ordinazione un panettone farcito di crema chantilly, marron glacé e crema di nocciola pralinata, avvolto in cioccolato fondente.Panettoni e lirica per Giovanni Cova&C.Altro storico indirizzo milanese, in via Cusani 10, per questo Natale Giovanni Cova& C. dal 1930 ha vestito tutti i panettoni con le riproduzioni delle opere dei maestri del melodramma e dell’ opera, seguendo le testimonianze trovate nell’ Archivio Storico Ricordi. Il classico panettone quest’ anno vince il premio Superior Taste Award con le Tre Stelle d’ Oro.Panzera: il panettone per i viaggiatoriLa storica pasticceria Panzera è perfetta per i viaggiatori gourmet dato che oltre alla sede di via Monte Santo la si trova all’ interno della Stazione Centrale. Il panettone è modulabile da un etto a tre chili, per tutte le tasche e pance e la novità di quest’ anno è il panettone ai marron glacé, per chi non ama il classico con i canditi.BarbatoL’ isola dolce di Milano- i panettoni in vasocottura del pasticcere BarbatoHa appena aperto nel quartiere Isola e l’ Ile Douce è già diventata meta di appassionati dolcisti (ovvero i passisti dei dolci). Con un tocco alla francese il pasticcere Fabrizio Barbato propone il classico Isola; l’ iconico Ile Douce farcito con ganache al pistacchio e champagne, arricchito con lichis e petali di rosa; Morgana con albicocche candite, liquore Strega e mandorle amare; Romance con una speciale ganache al Barolo Chinato e gocce di cioccolato fondente.StrudelMartesana e il panettone StrudelSi continua con la scia dei dessert-panettoni, ovvero i panettoni che si ispirano ad altri dolci della tradizione. L’ anno scorso ha stupito il panetton sacher e quest’ anno è tempo di strudel. Firmato da Marco Battaglia, pasticcere di MartesanaMilano, nell’ impasto si trovano mele candite profumate alla cannella, uvette selezionate e pinoli.Natale con classe da Armani: dedicato a MilanoGiorgio Armani dedica il suo panettone alla città che lo ha accolto e portato all’ apice del successo, il panettone con lo zafferano è una elegante limited edition da prenotare online o nel concept di Milano, nel quadrilatero della moda.Motta e il GranCaramelloLa novità dell’ anno per la storica azienda meneghina fondata nel 1919 da Angelo Motta è il panettone GranCaramello, un panettone farcito con una crema al caramello salato e cioccolato in pezzi.MilanoVeg- Milano pensa in veganoUna nuova linea, ancora in fasce, dedicata al milanese vegano in quattro declinazioni, ma rimane il classico il migliore: il Dolce di Natale Vegano – classico, senza canditi o arricchito da gocce di cioccolato fondente – impastato con olio extravergine di oliva e burro di cacao.Il re del cioccolato di dà al KnamettoneNon poteva mancare anche quest’ anno il Knamettone 2017 della nota pasticceria Knam in via Anfossi. La special edition di quest’ anno è realizzata con limone semicandito e cardamomo verde.Pasticceria Ammu- dove oltre che al panettoneNella pasticceria di Corso Garibaldi, Corso Magenta e Corso di Porta Romana a Milano si parla in siciliano: farcito e glassato con la crema al pistacchio. Inoltre solo qui si trova il particolare kit cannolo natalizio, per comporre i tanto amati dolci siciliani al momento.BeusschioOde al classico: Pasticceria BesuschioAd Abbiategrasso, in provincia di Milano, dal 1845 si trova il panettone milanese tout court, realizzato con lievito madre, lenta lievitazione e tanta artigianalitÃ.Bonanomi e il PandesciuriNegli ultimi tre anni si è sempre fatto notare nella competizione PanGiuso di Repanettone: Bonanomi fa sognare i milanesi che per assaggiare il suo panettone si spostano a Pioltello. Tra i must il Pandesciuri, dolce a pasta lievitata con l’ aggiunta del germe di grano tostato.Il panettone del paradisoChe il panettone paradiso sia celestiale sembra lapalissiano: il maestro pasticcere Achille Zoia non sbaglia. A Cologno Monzese, in provincia di Milano lo si trova sempre: impasto morbido e fragrante con l’ aggiunta di uvetta, noci e gocce di cioccolato, guarnito con una glassa a base di zucchero, mandorle, nocciole e poco cacao.BacilieriTra i migliori di Gazza Golosa: Mario BacilieriMario Bacilieri spopola nel varesotto a Marchirolo seguendo semplici principi: ingredienti di qualitÃ, lievito madre che “spinga”, canditi artigianali e una farina biologica di qualitÃ.Christmas EmotionIl panettone di Anna Sartori è decisamente femminile ed elegante. Come ogni donna non si acconta mai e il suo panettone Christmas Emotion è triplicato: dall’ alto il suo celebre moretto con anice stellato e cacao, al centro il panspeziale e per finire con la base a veneziana all’ arancia candita. Da Erba (Como) emozionano al primo morso.Panettone ai tre impasti di Iginio MassariIstituzione per gli amanti del dolce, non solo natalizio, il panettone di Iginio Massari è a tre impasti con una lavorazione complessa che prevede il rinfresco alternativamente alla sera, poi alla mattina e nel pomeriggio. Attesissima la prossima apertura a Milano in collaborazione con Intesa San Paolo.Da Milano il viaggio si spinge verso ovest, in PiemonteBio dal PiemonteDa Orbassano (To) il panettone leader per il mercato vegano, Fior di Loto quest’ anno propone il Dolce natale di farro e cioccolato 100% vegetale bio che esalta il sapore rustico degli ingredienti che lo compongono, e il Dolce natale con pesca e amaretto 100% vegetale bio.I Marrons Glacés arricchiscono il panettone piemonteseSi sono presi i più nobili ingredienti del Piemonte, come marroni glassati artigianalmente a mano per realizzare il Panettone ai Marrons Glacés Galup. La glassa croccante, come da tradizione, è preparata a mano con le Nocciole Piemonte IGP per quest’ azienda di Pinerolo.Primo posto in Tenzone Panettone per Fabrizio GallaDalla sua pasticceria a San Sebastiano da Po (To), Fabrizio Galla ha vinto il primo posto alla Tenzone Panettone a Parma e firma anche la pasticceria del ristorante stellato Il Cambio. Il suo panettone classico è fatto a regola d’ arte.Dal Piemonte ai maestri pasticceri veneti, trentini e friulaniIl panettone delle neviAndrea Tortora, pasticciere del St. Hubertus Rosa Alpina, sta finendo di festeggiare il coronamento della terza stella Michelin e, scuola Norbert Niederkofler, ha creato un panettone classico ma dal design ricercato, venduto in una latta firmata dall’ illustratore Gio Pastori.Panettone per Lucca CantarinSÃ, ci sono due c nel nome Lucca, una genealogia di maestri gelatieri, ha imparato da Massimiliano Ajaimo prima di aprire la sua pasticceria ad Arsego (Pd). Per il Natale il panettone è in edizione limitata farcito con frolla al cioccolato e sale Manjari.Figlio del lievito madreCrede nella lievitazione e per questo fa parte dell’ associazione FDLM, figli del lievito madre. Nato e conosciuto da tutti per la fenomenale pizza che si degusta a San Martino Buonalbergo alle porte di Verona, Renato Bosco fa un panettone leggerissimo con uvetta e champagne.Annata 2012 nel panettoneL’ azienda vinicola Maculan di Breganze (Vi) ha dedicato l’ annata 2012 del suo Torcolato per farci un panettone, vendemmia particolarmente ricca di sostanze aromatiche che ovviamente si abbina al suo vino, anche nella confezione.Panettone ai tessuti per LoisonIl tema del Natale Loison lo dedica ai tessuti d’ arredo. “Il tessuto è calore, atmosfera, protezione” ricorda Sonia, creativa moglie del pasticcere Dario Loison. Trae ispirazione dalla vita quotidiana e dal gusto dei gesti semplici, come quello di mordere una fetta di panettone.Bauli e il panettone ai 5 cerealiNovità della casa veronese è il panettone ai 5 cereali (grano saraceno, riso, orzo, farro e avena), tradendo il pandoro, dolce simbolo della città scaligera. Vengono uniti poi uvetta e una golosa glassa con mandorle intere e fiocchi di avena.L’ inventore del panettone in vasocotturaE’ Denis Dianin il primo che ha pensato al panettone in vasocottura, prima che diventasse di moda. Da D&G Patisserie di Selvazzano Dentro (in provincia di Padova), con questa tecnica innovativa si allunga la vita del prodotto, senza l’ utilizzo di conservanti, il vaso rende il panettone più facile da trasportare, versatile, oltre ad essere un bel regalo per le feste.Il panettone in Veneto si fa alcolicoDaniele Lorenzetti dell’ omonima pasticceria a San Giovanni Lupatoto (Vr) propone un panettone molto alcolico con il gin che bagna un impasto lievitato naturalmente con lievito madre.Ezio Marinato e la polpa di fragoleTra i più importanti esperti di panificazione in Italia, Ezio Marinato sperimenta sempre nuovi impasti e abbinamenti. Quest’ anno il panettone è integrale con un’ alta percentuale di polpa di fragole da provare nella sua pasticceria di Caomaggiore (Ve).Gusti esotici per Borsari ma anche ReciotoLa pasticceria di Verona Borsari propone il panettone al Recioto, un grande classico per la città scaligera ma integrale e con le more. Ma quest’ anno aggiunge anche gusti esotici come ananas, mango, papaya e guava, un sogno ad occhi aperti per gli amanti dei tropici.I presidi Slowfood di FraccaroQuest’ anno Fraccaro ha realizzato un panettone a sostegno di Slowfood e per ingredienti i suoi presidi come lo sciroppo di rose della Liguria, il sale marino artigianale delle Saline di Cervia e la vaniglia Chinantla del Messico.Spostandosi verso sudIl panettone ai dieci zuccheri naturali e biologiciAttenti alla linea senza rinunciare al gusto. La focaccia agli zuccheri naturali e biologici di Tabiano del pasticcere Claudio Gatti di Salsomaggiore Terme è la risposta. Ha un contenuto di grassi dell’ 11,3% (tale per cui non può essere definita formalmente panettone vista la quantità di materia grassa non inferiore al 16% prevista dal disciplinare). Si trova nella versione al cioccolato e con uvettaImpasto a lunga lievitazione (60 ore) a FerraraAlla pasticceria Chocolat di Ferrara il maestro pasticcere Cristiano Pirani presenta due gioielli con 60 ore di lievitazione: panzucca e nerone. Il primo con zucca candita, polvere del caffè del Kenya e gocce di cioccolato fondente; il secondo con impasto al cioccolato fondente, mandarino tardivo di ciaculli e profumo di liquirizia.I tre gemelli di Gino FabbriDelizia, divino e nuvola: sono i tre figli del pasticcere Gino Fabbri, tappa obbligatoria della pasticceria di Bologna. Delizia seduce con morbide albicocche candite e tenera pasta di mandorle, Divino invece accontenta i più golosi con gocce di cioccolato fondente e pasta d’ arancia, mentre per chi ama la delicatezza Nuvola, con la sola pasta di agrumi, permette di assaggiare una fetta in più anche dopo un imponente pranzo di Natale.Ricotta e pere per Sal De RisoRicotta e pere, semplice quanto goloso Quest’ anno il pasticcere Sal De Riso ha rivisitato uno dei suoi dolci simbolo per un panettone con una pasta lievitata farcita di pere candite e crema di ricotta profumata a rhum e nocciole.Tiri e la sua canditura homemadeTiri non delude mai. Apprezzatissimo anche in Giappone nella sua pasticceria ad Acerenza (Pz) quest’ anno ha elaborato un panettone con scorze di arancia che candisce personalmente e una tripla lievitazione per oltre 40 ore di lavorazione.Nero SublimeDalla Sicilia con furore. Il maestro pasticcere Nicola Fiasconaro presenta Nero Sublime, con un impasto lievitato con grani di cioccolato di Modica ricoperto di cioccolato fondente e una crema al cioccolato spalmabile all’ interno della confezione.Oro di CaiazzoL’ oro della cittadina di Caiazzo è il suo olio. Ecco quindi un panettone che non presenta grassi animali ma solo uvetta e canditi, perfetto per gli intolleranti al lattosio. L’ olio extravergine di oliva sostituisce completamente il burro lasciando un retrogusto di olio buono. Da qui prende il nome l’ azienda Oro di Caiazzo.Panchoco rum da PompeiLa pasticceria De Vivo non propone mai panettoni scontati. Quest’ anno il focus è sul panettone alcolico al rhum ovvero il Panchoco Rum ripieno di cioccolato monorigine fondente e Rhum Jamaique bianco a 16 gradi. Quest’ anno ha vinto il premio Ambasciatore del panettone italiano 2017.Dalla costiera con alcolAlfonso Pepe fa sognare il calore della costiera con il panettone con uva passa Zibibbo e passito naturale DOC di Pantelleria, un impasto che è gradevole al palato e che risulta morbido e fragrante all’ assaggio.Panbabà da PompeiArriva il PanbabÃ, il panettone vuoto e inzuppato al rhum. La pasticceria Gabbiano di Pompei esalta la tradizione pasticcera partenopea con l’ unione di due grandi pilastri.Il panettone frizzanteFrizzipazzi, il nuovo panettone di Pasquale Marigliano di Nola (Na) è frizzante: la crema al cioccolato all’ interno dell’ impasto ricorda i dolcetti frizzanti che si trovavano in bustine, un ricordo d ‘infanzia di ognuno di noi.Il caffè latte nel panettoneTra le poche donne pasticcere di livello, Carmen Vecchione e il suo Dolciarte di Avellino stupisce sempre. Quest’ anno presenta un panettone con caffè 100% arabica e cioccolato al latte, riproponendo i sapori di casa, quando si inzuppava il panettone nel caffè latte.PanterroneNon solo un ottimo panificatore, Cera ama la propria terra. A lei dedica il Panterrone al grano arso della qualità Senatore Cappelli nella versione con uva di zibibbo e con i fichi. Il Forno Sammarco di San Marco in Lamis (Fg) ha molto da insegnare ai panificatori del nord.I panettoni degli chefRegistratiLe regole della CommunityIl Sole 24 ORE incoraggia i lettori al dibattito ed al libero scambio di opinioni sugli argomenti oggetto di discussione nei nostri articoli. I commenti non devono necessariamente rispettare la visione editoriale de Il Sole 24 ORE ma la redazione si riserva il diritto di non pubblicare interventi che per stile, linguaggio e toni possano essere considerati non idonei allo spirito della discussione, contrari al buon gusto ed in grado di offendere la sensibilità degli altri utenti. Non verranno peraltro pubblicati contributi in qualsiasi modo diffamatori, razzisti, ingiuriosi, osceni, lesivi della privacy di terzi e delle norme del diritto d’ autore, messaggi commerciali o promozionali, propaganda politica.Finalitàdel trattamento dei dati personaliI dati conferiti per postare un commento sono limitati al nome e all’ indirizzo e-mail. I dati sono obbligatori al fine di autorizzare la pubblicazione del commento e non saranno pubblicati insieme al commento salvo esplicita indicazione da parte dell’ utente. Il Sole 24 ORE si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autoritàcompetenti. Ogni ulteriore diffusione dei dati anagrafici dellâââ¢utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’ utente medesimo, nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista.Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra societÃ, che avràpertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso – a titolo esemplificativo – il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox