16 giugno 2017

TORINO: MORTA ERIKA,LA DONNA FERITA IN PIAZZA SAN CARLO

 

CODACONS A PROCURA: ORA SI PROCEDA PER CONCORSO IN OMICIDIO CON DOLO EVENTUALE. NON AVER ADOTTATO ADEGUATE MISURE DI SICUREZZA HA CAUSATO TRAGEDIA

 

A seguito della morte di Erika Pioletti, la Procura di Torino dovrà procedere per il reato di concorso in omicidio con dolo eventuale. La richiesta alla magistratura arriva dal Codacons, dopo la notizia del decesso della 38enne ricoverata all’ospedale San Giovanni Bosco di Torino schiacciata dalla folla in Piazza San Carlo.
“La Procura dovrà necessariamente modificare i reati per cui indaga, accertando le eventuali responsabilità di Comune, Prefettura, Questura e altri soggetti pubblici o privati, alla luce del possibile concorso in omicidio con dolo eventuale – spiega il presidente Carlo Rienzi – Questo perché la mancanza di adeguate misure a tutela dell’incolumità e della salute dei cittadini che lo scorso 3 giugno si erano riuniti in Piazza San Carlo in occasione della finale di Champions League, ha di fatto contribuito a determinare la tragedia. In base al nostro ordinamento, infatti, il dolo eventuale si verifica quando un soggetto pone in essere un comportamento accettandone i rischi e le conseguenze che, seppur non volute, appaiono possibili. Nel caso specifico – prosegue Rienzi – le tante carenze sul fronte della sicurezza in Piazza San Carlo, dalle vie di fuga alla vendita di alcolici passando per l’ingresso di bottiglie di vetro, hanno di fatto reso probabile il verificarsi di incidenti anche gravi”.