19 Luglio 2016

Testai: «Genuino deve lasciare subito Al suo posto vogliamo Ramello»

Testai: «Genuino deve lasciare subito Al suo posto vogliamo Ramello»
e’ ormai scontro aperto in forza italia sulla presenza del consigliere

E’ CERTAMENTE destinata a far discutere, a Fucecchio, la richiesta inoltrata al presidente del consiglio comunale dal capogruppo di Forza Italia Simone Testai per la decadenza dal mandato di consigliere del suo stesso partito di Gabriele Genuino e per la sua surrogazione con il primo dei non eletti della medesima lista, l’ avvocato Sabrina Ramello. Una vera e propria grana scoppiata con le insistenti voci sul passaggio di Genuino alla Lega Nord, decisione imperdonabile -secondo Fi – a un rappresentante politico che solo raramente ha partecipato alle assemblee consiliari e alle riunioni delle commissioni delle quali fa parte. La questione, in realtà, sembrerebbe già risolta con la risposta del presidente a Testai, di rigetto della richiesta in quanto il consigliere avrebbe giustificato le assenze e la procedura di decadenza, se avviata, porterebbe a inevitabili strascichi giudiziari onerosi per l’ amministrazione e di esito incerto. Considerazioni che non convincono Testai che si fa forte dell’ articolo 9 del regolamento consiliare che prevede, sì, le giustificazioni, ma in via preventiva e non successive e senza un’ efficace consistenza com’ è stato fatto, invece, dall’ ormai ex esponente di Forza Italia. Quella che potrebbe sembrare una faida interna al centrodestra non è tale per il capogruppo che spiega come Genuino, che risiede a Empoli ed è stato sempre fra i consiglieri meno presenti anche nella precedente legislatura, non abbia rispettato le regole e come FI, per svolgere la propria azione politica, abbia invece bisogno di tutti coloro in grado di impegnarsi in questo senso. Il subentro di Sabrina Ramello, battagliera componente dell’ ufficio legale di Codacons, particolarmente interessata a contestare quelli che ritiene essere gli eccessi impositivi del Comune e dei Consorzi di bonifica, darebbe -afferma Testai – un grosso impulso all’ attività del gruppo per gli interessi dei cittadini. La discussione sulla richiesta di decadenza avverrà quasi certamente nella riunione consiliare del prossimo 28 luglio. «Se non verranno prese in considerazione le nostre osservazioni -afferma Testai – procederemo per le vie istituzionali a cominciare dal Prefetto. Riteniamo di essere nel giusto e lo dimostreremo». Giulio Panzani.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox