fbpx
4 Settembre 2013

Test di Veterinaria: «Domande impossibili»

Test di Veterinaria: «Domande impossibili»

DA MILANO PAOLO FERRARIO « A lcune domande erano proprio impossibili». «Stavolta hanno esagerato». Sono soltanto due dei tantissimi commenti, postati su Facebook, dagli oltre 8mila studenti che ieri mattina hanno sostenuto il test d’ ingresso a Veterinaria. Oggi toccherà invece alle professioni sanitarie (infermieri e fisioterapisti): le domande di iscrizione hanno superato le 100mila, mentre i posti disponibili sono 27.396. Lunedì prossimo sarà la volta degli aspiranti medi- ci. Gli iscritti al test sono 84.165, di cui 74.312 hanno formalizzato l’ iscrizione versando la quota dovuta, mentre i posti disponibili sono 10.771. La professione medica continua ad attirare i giovani, tanto che, rispetto all’ anno scorso, gli iscritti al test sono aumentati di sedicimila unità. Numeri importanti che rendono necessario lo strumento del test d’ ingresso, come conferma il professor Andrea Lenzi, presidente del Consiglio universitario nazionale (Cun) e della Conferenza permanente dei presidenti di consiglio di corso di laurea magistrale in Medicina e chirurgia. Secondo Lenzi, sono diverse le motivazioni di questo boom di iscritti. «Da qui a sei anni – spiega – sarà esautorata la pletora dei medici che avevano iniziato l’ università negli anni ’80, quando l’ iscrizione era libera. Molti andranno in pensione e ci sarà un ridimensionamento del numero dei medici, finora superiore alla media europea. Poi – aggiunge Lenzi – c’ è una motivazione emozionale, dovuta alla speranza delle famiglie che anche con la crisi i figli trovino un posto. Infine, un aspetto tecnico: il rinvio a settembre del test. A luglio gli iscritti ai test erano circa 50mila». A giudizio di Lenzi però «non meno della metà degli iscritti ai test non ha valutato cosa richiede la professione del medico: non solo 6 anni di corso di laurea e 5 di istruzione, ma studio e formazione per tutta la vita». Gli ultimi studenti a cimentarsi con i test saranno, martedì 10 settembre, gli aspiranti architetti: gli iscritti sono 19.580 per 8.787 posti. I risultati si conosceranno per Veterinaria il 17 settembre, per Medicina e Odontoiatria il 23 settembre e per Architettura il 24 settembre. Il 30 settembre sarà pubblicata la graduatoria finale nazionale per tutti, comprensiva anche del calcolo del bonus maturità rivalutato con il meccanismo dei percentili. Contro il meccanismo dei test d’ ingresso a Medicina, che considera «illegali», il Codacons ha già annunciato la presentazione di un ricorso al Tar del Lazio. Un ricorso collettivo, non soltanto contro i test ma anche per cancellare il meccanismo del “bonus matu-rità”, è stato annunciato anche dall’ Unione degli universitari (Udu). «È incostituzionale e lesivo dei diritti degli studenti», dichiara il coordinatore nazionale Michele Orezzi. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox