15 Luglio 2015

Teppisti liberi e processo rinviato a gennaio

Teppisti liberi e processo rinviato a gennaio

• È iniziato, con le prime schermaglie procedurali, il processo a carico di sei «tifosi» del Feyenoord chelo scorso 19 febbraio, in occasione della partita d’ andata valida per i sedicesimi di Europe League tra la Roma e la squadra olandese, misero a ferro e fuoco il centro della Capitale danneggiando, tra l’ altro, la «Barcaccia» del Bernini in Piazza di Spagna, riducendola a una discarica. I sei rinviati a giudizio finirono in manette perché ritenuti protagonisti di una vera e propria guerriglia urbana, con lancio di fumogeni e di bombe carta. Nel procedimento è stata accolta la richiesta del Codacons di costituirsi parte civile. I giudici della quinta sezione penale del tribunale hanno riconosciuto la «legittimazione atti va» dell’ associazione a costituirsi nel dibattimento in rappresentanza dei cittadini romani. «Ennesimo successo del Coda cons, rappresentato dall’ avv. Vincenzo Rienzi e difeso dall’ avv. Valerio Silvetti dello Studio Castiello, che è stato ammesso come parte civile, perla prima volta in un processo nel quale vengono contestati agli imputati reati contro la persona fisica» ha commentato in una nota l’ associazione. «È un importante successo per il Codacons e per i cittadini, perché ora sarà possibile far valere gli interessi della collettività nei confronti dei tifosi violenti» ha aggiunto Rienzi. Gli imputati, da tempo ritornati in Olanda, sono accusati dalla procura di concorso in resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Il tribunale ha anche disposto l’ acquisizione di un video di Youtube, relativo alle fasi di arresto di uno degli olandesi, come chiesto da un difensore. Il processo, però, è stato aggiornato e il dibattimento entrerà nel vivo soltanto il 12 gennaio 2016, con le testimonianze dei rappresentanti delle forze dell’ ordine citati dal pm Vittoria Bonfanti. R. C.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this