11 Maggio 2002

TENNIS: AGLI INTERNAZIONALI DI ROMA I VERI PERDENTI SONO I TELEFONI CELLULARI!!

IL CONTINUO SQUILLO DEI TELEFONINI DISTURBA I GIOCATORI. IL PROLIFERARE DELLE SUONERIE PERSONALIZZATE HA PEGGIORATO LA SITUAZIONE RISPETTO GLI SCORSI ANNI IL CODACONS E L?ASSOCIAZIONE UTENTI SPORTIVI MANDERANNO I PROPRI ISPETTORI SUI CAMPI: INDIVIDUATI I DISTURBATORI FARANNO INTERVENIRE LE FORZE DELL?ORDINE E DENUNCERANNO I COLPEVOLI PER MOLESTIE

GLI STESSI GIOCATORI POTREBBERO CHIEDERE RISARCIMENTI MILIARDARI PER I DISTURBI DURANTE LE PARTITE








Internazionali di tennis di Roma. I telefonini hanno sempre rappresentato il dramma delle partire di tennis. Squilli che arrivano inaspettatamente mentre il giocatore è al servizio o impegnato nel gioco a rete. Ma quest?anno la situazione è peggiorata nettamente, e se ne sono accorti anche i giocatori. Infatti il proliferare di suonerie personalizzate, diffuse su internet e scaricabili velocemente, che riproducono fedelmente brani musicali, e che quindi sono anche più lunghe dei classici squilli, sta buttando nello sconforto arbitri, giocatori e lo stesso pubblico.

I giocatori perché vengono deconcentrati frequentemente e magari sul più bello o nei punti chiave dei match, gli arbitri perché non riescono, nonostante i richiami ufficiali, a far rispettare il divieto di usare il telefonino durante le partite; ma lo squillo selvaggio disturba anche il pubblico che vuole godersi indisturbato e con educazione gli scontri fra i giganti del tennis.

Il CODACONS e l?associazione degli utenti sportivi (aderente al CODACONS) hanno deciso di intervenire. Le due associazioni manderanno i propri ispettori sui campi di gioco e, una volta individuati i ?disturbatori?, faranno intervenire le forze dell?ordine e denunceranno i proprietari dei telefonini dallo squillo selvaggio per molestie. Ma non solo. Qualora un giocatore dovesse perdere una partita o un punto importante a causa dello squillo di un cellulare, una volta individuato il responsabile da parte degli inservienti, il tennista potrebbe chiedere un risarcimento miliardario allo spettatore ?scortese?, considerando il danno economico e di punti in classifica provocato.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox