5 Aprile 2001

“Telefonate, fax e disdette il popolo degli assicurati in marcia“

“Telefonate, fax e disdette

il popolo degli assicurati in marcia“


Le agenzie di tutta Italia sommerse dalle richieste di informazioni e di preventivi

ROMA Ora diteci come stanno le cose. In mezza Italia, assicurati senza più certezze chiamano la loro compagnia di assicurazioni e le altre più note per capire a quale santo votarsi. A Palermo è già il giorno delle disdette, a Roma e Milano migliaia di persone chiedono un preventivo. E` una marcia rumorosa a caccia della stangata minore.

A Roma, fin dalle prime ore del mattino i centralini delle compagnie di assicurazione sono stati sommersi di telefonate. «Generalmente l`utente non chiama la sua compagnia, di cui conosce già le condizioni, ma le altre», spiega Paolo Saluzzi, responsabile della agenzia Roma Centro della Fata Assicurazioni, «E` allarmato dalle notizie di stampa, vuole documentarsi di persona». E allora il punto di riferimento sono anche le associazioni dei consumatori, dal Codacons all`Adiconsum alla Federconsumatori.
Il loro monitoraggio è già partito: «La domanda più ricorrente riguarda la possibilità di disdire la polizza spiegano dall`Adiconsum Bene, il messaggio da lanciare deve essere semplice: si può disdire».

Le agenzie di assicurazioni propongono ai clienti quella che chiamano una «controinformazione» rispetto ai dati forniti dall`Isvap. «Il quarantenne, già nostro cliente, in classe di massimo sconto, la seconda spiega Alberto Federici, responsabile delle relazioni esterne della Winterthur paga il 7% in meno del `99, ovvero 717 mila lire anziché 773. Secondo caso è quello del quarantenne, in quattordicesima classe, ovvero nuovo assicurato, che paga 2 milioni 171 mila, il 7,8% in meno rispetto alla tariffa di due anni fa. Gli aumenti nessuno li nega, ma bisogna poi prendere in esame caso per caso, per evitare facili allarmismi».

Anche a Milano i centralini delle assicurazioni sono stati assediati da clienti in cerca di informazioni, più o meno disponibili a cancellare i propri contratti. Il Comitato consumatori lancia tre proposte: ridurre l`imposta del 12,5% applicata alla Rc auto; ridurre il bollo auto; aumentare le deduzioni fiscali sui premi. La rivista Altroconsumo ha registrato aumenti medi a Milano del 2530%. Risultano più a buon mercato le polizze delle compagnie che operano via telefono o Internet.

Guidare a Milano, in ogni caso, costa meno caro che in altre parti d`Italia, secondo Alessandro Miano del Movimento consumatori: «L`aumento medio è dell`8 per cento, con punte fino al 50». Restano comunque «rincari ingiustificati, perché superiori al tasso di inflazione programmato dell`1,7% concordato con il governo». Grazie a una legge entrata in vigore pochi giorni fa, però, la polizza con aumenti superiori all`1,7% può essere disdetta anche fuori dai termini contrattuali (30 o 60 giorni prima della scadenza). «Ma attenzione alle fregature – continua Miano – ci sono assicurazioni che portano il massimale a 34 miliardi per rientrare surrettiziamente nella percentuale fissata dal tasso d`inflazione programmato. Altri tolgono la copertura per gli atti vandalici e i terzi trasportati. Altri ancora non diminuiscono progressivamente il valore risarcibile dell`auto».
Gli stessi automobilisti hanno le loro magagne. L`associazione delle compagnie, l`Ania, e quella dei carrozzieri si erano accordate per calmierare il mercato dei pezzi di ricambio, che in Italia sono carissimi (in 4 anni sono aumentati del 300%), ma gli assicuratori ora denunciano l`intesa. Non va più bene.
A Palermo, pioggia di disdette sulle compagnie di assicurazioni che impongono ai propri clienti aumenti fino al 131%. Gli automobilisti hanno deciso così di “punire“ rincari che la Federconsumatori definisce «ingiustificati e fuori da qualsiasi logica di mercato». Negli ultime due giorni il centralino dell`associazione è stato tempestato di telefonate: «Credo che alla fine le compagnie più care dimezzeranno il loro portafoglio clienti qui a Palermo ? spiega il presidente regionale Lillo Vizzini ? Che poi è esattamente il loro obiettivo.
Chiedere agli assicurati di pagare un premio più che raddoppiato rispetto all`anno passato significa chiaramente invogliarlo a cambiare aria. Si sa che il settore Rc auto è in perdita e le compagnie puntano ormai su altri segmenti, a cominciare dalle polizze vita, ben più remunerative e con minori margini di rischio». La Federconsumatori di Palermo consiglia comunque agli automobilisti di non piegarsi ai rincari: «Mercanteggiare, chiedere sconti e, in caso contrario, rivolgersi ad altre compagnie ? spiega Vizzini ? se poi le agenzie non comunicano per iscritto gli aumenti entro 30 giorni dalla scadenza della polizza, il cliente ha il diritto di pagare la stessa cifra dell`anno precedente».

A Napoli, si registra l`imbarazzo maggiore tra gli assicuratori. Ecco, ad esempio, Ferdinando Rosario, sessantaduenne e conosciuto titolare della Lloyd Italico nel cuore della city napoletana. «Faccio l`operatore assicurativo da ben 40 anni dice eppure non posso fare a meno di riconoscere che molte delle rimostranze dei nostri utenti sono sacrosante. Perché penalizzare anche chi non provoca incidenti, né veri, né falsi?»

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox