22 Settembre 2011

Tbc al Policlinico Gemelli La Procura indaga sei dipendenti e un medico

Tbc al Policlinico Gemelli La Procura indaga sei dipendenti e un medico
 

ROMA – Policlinico Gemelli: se un’ infermiera proveniente da una trincea batterica come il reparto di fisiopatologia respiratoria, positiva alla Tbc, si aggirava fra culle e lettini senza essere visitata, la responsabilità, per i magistrati, è di sei dipendenti più un medico di base. Per la vicenda dei 122 neonati positivi al batterio della tubercolosi, il procuratore aggiunto Leonardo Frisani e il pm Alberto Pioletti hanno iscritto nel registro della Procura i primi indagati, ipotizzando i reati di epidemia colposa e lesioni colpose. Primo fra tutti, il direttore di neonatologia che non avrebbe fatto le verifiche necessarie sulle condizioni di salute di infermieri e medici del suo stesso reparto. Secondo, il cosiddetto «datore di lavoro», ossia il dirigente che avrebbe dovuto occuparsi degli screening sul personale dipendente e che invece non diede alcuna delega in merito. E ancora: due medici, addetti alle visite e responsabili dell’ applicazione delle norme di sicurezza sul lavoro, il loro coordinatore e il funzionario amministrativo che avrebbe dovuto seguire i controlli e l’ aspetto certificativo. Quanto al medico di base, la contestazione dei magistrati riguarda la diagnosi: non si è accorto che la malattia dell’ infermiera era la Tbc. «Sull’ iscrizione nel registro degli indagati di alcuni suoi dipendenti – fanno sapere dall’ ospedale dell’ Università Cattolica – si prende atto con serenità di quanto disposto dalla Procura e si conferma la piena disponibilità a collaborare per chiarire la vicenda relativa all’ infezione in tutti i suoi aspetti». Il senatore Ignazio Marino (Pd), presidente della commissione parlamentare d’ inchiesta sul servizio sanitario nazionale, torna a incalzare la Regione: «Quali protocolli per la prevenzione dell’ epidemia sono stati seguiti?». E la presidente della Regione Lazio Renata Polverini risponde: «La Regione ha sempre operato per tutelare la salute dei cittadini nel rispetto delle linee guida nazionali e dalla normativa vigente in materia». Intanto il Gemelli fa i conti con un forte abbattimento dei parti e si prepara a difendersi da una class action di 50 famiglie (seguita dal Codacons) più la causa legale di madre e figlio ospiti del Policlinico fra il 18 e il 20 luglio scorso e positivi entrambi al batterio. È stato accertato che l’ infezione che ha colpito l’ infermiera appartiene allo stesso ceppo virale di quella che a luglio colpì la neonata ricoverata al Bambin Gesù. Due casi concreti di malattia imputabili, secondo la Procura, all’ ospedale.  RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox