25 Maggio 2020

Tassa Covid-19 sugli scontrini, i centri estetici: “Dati falsi, solo l’ 1,56% l’ ha applicata”

dopo la denuncia del codacons sulla cosiddetta tassa covid-19 sugli scontrini di parrucchieri e centri estetici, confestetica, l’ associazione nazionale
Da quando hanno riaperto, lo scorso lunedì 18 maggio, i clienti di parrucchieri e centri estetici non fanno che parlare d’ altro: l’ introduzione sullo scontrino di una nuova voce, ribattezzata ” tassa Covid-19 “, che consiste in un aumento da 2 a 4 euro dei prezzi, una sorta di extra da pagare, per rientrare dalle spese effettuate per i costi sostenuti a causa dell’ emergenza Coronavirus . Persino il Codancos è intervenuto nei giorni scorsi per denunciare il rincaro, protesta alla quale si è unita anche l’ Unione nazionale consumatori, che ha ricevuto segnalazioni simili e che ha chiesto agli esercenti di ritirare quella che definisce “tassa di solidarietà”. Ma per i diretti interessati si tratta di dati falsi , la tassa sarebbe applicata solo da una minima parte di imprenditori del settore. È quanto sottolinea Confestetica , l’ associazione nazionale maggiormente rappresentativa dei centri estetici , per un totale di oltre 20mila associati e certificati dal 2007, che “contesta in radice l’ infondatezza di quanto affermato da Codacons circa il contributo Covid-19” nei centri estetici italiani, invitandolo, come si legge in una nota, “a rendere noti all’ istante i suoi dati statistici sui centri estetici che riportano il contributo Covid-19, augurandoci che tali dati esistano realmente”. Secondo l’ associazione, infatti, che non si basa “su 4 e-mail, 2 telefonate e uno scontrino”, su un campione di 1.601 centri estetici italiani interpellati, l’ 85,94% hanno risposto di non aver aumentato i prezzi e di non aver applicato nessun contributo Covid-19, il 12,49% dei centri estetici hanno aumentato i prezzi e solo l’ 1,56% dei centri estetici ha applicato la discussa tassa . “Che Codacons, da un solo scontrino faccia partire una denuncia nazionale di tale portata, riportata da tutti i media, ci sembra davvero vergognoso e inaccettabile e altamente dannoso – ha tuonato Confestetica -. Raccontare ai consumatori che i centri estetici applichino il contributo Covid di 4 euro, quando la realtà dei fatti ci consegna un dato totalmente differente, ovvero che il 98,44% dei centri estetici non applica alcun contributo, ci sembra scorretto e infamante “. Roberto Papa, presidente dell’ Associazione, ha aggiunto che “la ripartenza dei centri estetici è stata dura, non hanno avuto nessun aiuto , non hanno aumentato i prezzi e non accettano di essere infangati con tali falsità. Il consumatore in questi giorni sta lasciando laute mance all’ estetista, proprio perché si rende conto che l’ estetista non ha aumentato i prezzi e deve sopportare spese di gestione molto più alte rispetto a prima del Covid”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox