7 Giugno 2010

TARIFFE: CODACONS, AL CIMITERO IVA DOPPIA PER LA LUCE

TARIFFE: CODACONS, AL CIMITERO IVA DOPPIA PER LA LUCE
 

(AGI) – Roma, 7 giu. – "Meno male che la luce eterna non costa nulla, visto che per quella terrena lo Stato si prende il doppio di Iva" nei cimiteri. La denuncia arriva dal Codacons secondo cui in Italia si specula anche sui morti visto che l’elettricita’ nei cimiteri e’ piu’ cara che nel resto del territorio nazionale e i parenti dei defunti sono "costretti a sborsare di piu’" per mantenere un lumino acceso sulla tomba dei propri cari. Nel nostro Paese, spiega l’associazione, "l’aliquota Iva sulla fornitura del servizio elettrico e’ del 10% su tutto il territorio nazionale? a esclusione dei cimiteri. Qui, infatti, si paga un’Iva doppia e pari al 20% sull’elettricita’ utilizzata per le lampade votive e i lumini elettrici posti sulle tombe. Una differenza, sottolinea il Codacons, che non trova giustificazione alcuna, visto che il servizio e’ il medesimo sul medesimo territorio. Cio’ danneggia i parenti dei defunti, costretti a sborsare di piu’ per la fornitura elettrica nei cimiteri".
   Per il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, "e’ un classico paradosso italiano che dimostra come nel nostro paese si speculi su tutto, anche sui morti. La conseguenza di tale irragionevole situazione – osserva ancora Rienzi – produce un danno economico non indifferente a chi ha perduto un caro e vuole mantenere un lumino acceso sulla sua tomba". Per tale motivo, il Codacons sta studiando azioni legali, "finalizzate a ottenere una modifica legislativa che parifichi l’Iva sulla fornitura elettrica cimiteriale a quella in vigore nelle abitazioni". (AGI)

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox