fbpx
31 Gennaio 2014

Tango bond: un aggiornamento sulla situazione dell’ Argentina

Tango bond: un aggiornamento sulla situazione dell’ Argentina

TANGO BOND Il Sole24Ore di sabato 25 gennaio ha scritto che il Consiglio di Stato del 17 gennaio ha rigettato il ricorso del Codacons relativo allo scambio di titoli di stato promosso dalla Repubblica Argentina nel 2005 . La decisione del Consiglio di Stato, che segue quella del TAR del Lazio del 2009, ha chiuso definitivamente la questione. Il quotidiano finanziario ha ricordato che resta aperto il ricorso al TAR del Lazio in merito al secondo swap promosso nel 2010. Secondo quanto scritto su Il Sole24Ore di domenica 26 gennaio l’ Argentina può contare su riserve valutarie per 29,4 miliardi di dollari, risorse che potrebbero scongiurare un nuovo default del paese sudamericano. Secondo l’ agenzia Moody’ s la svalutazione del peso non sarà la soluzione definitiva per evitare la riduzione delle riserve dalla banca centrale argentina . Gli esperti ritengono che il governo del paese sudamericano debba aumentare gli sforzi per contenere il deficit e ridurre l’ inflazione. La Repubblica di martedì 28 gennaio ha descritto l’ operazione con cui il Governo di Buenos Aires ha deciso di modificare le restrizioni che dalla fine del 2011 impedivano l’ acquisto di dollari da parte delle persone fisiche e che fino ad ora avevano creato un mercato parallelo dove dollaro e pesos vengono scambiati a un valore molto superiore rispetto a quello ufficiale (12/13 pesos per dollaro contro gli 8 del cambio ufficiale). Dopo la modifica delle norme un privato potrà acquistare fino a un massimo di 2.000 dollari dimostrandone di guadagnarne almeno 900 al mese. Sull’ operazione ci sarà una tassa del 20% che sarà restituita se chi acquista i dollari li lascerà su un conto corrente per almeno un anno. Il Governo tenta così di arginare la perdita di valore del pesos. Ora lo spauracchio è quello della super inflazione.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox