25 giugno 2017

Supermercati web e usato Tutti in cerca dell’ affare

Per risparmiare sul prezzo di libri e corredo scolastico non ci sono molti trucchi, la scelta si divide tra cartolerie, ipermercati e il web. Acquistare in rete in genere è vantaggioso, anche un colosso come Amazon sta mangiando questa fetta di mercato con un servizio dedicato ai libri scolastici. Secondo il Codacons però internet non è sempre più a buon mercato, questa teoria non è valida per tutti i prodotti. Anche affidarsi ai grandi supermercati può risultare in generale conveniente, ma alcuni acquisti possono far salire lo scontrino. La grande distribuzione inoltre più che sullo sconto sul prezzo dei libri punta su un buono spes, in genere pari al 15% dell’ importo dei libri. Il consiglio degli esperti è confrontare sempre i prezzi. Poi c’ è l’ usato, tante famiglie comprano e rivendono i libri, per esempio al Libraccio, alcune scuole organizzano anche il passaggio dei testi tra i compagni più grandi e quelli più piccoli aiutati dalle associazioni dei genitori, nuove adozioni permettendo. A Como ci sono invece poche sparute mosche bianche che, pur con qualche difficoltà, fanno tutto con tablet e computer. Acquistare la versione solo digitale dei testi non è sempre cosa immediata, alcune case editrici però offrono questa opportunità. Certo poi l’ alunno con il tablet in classe può sentirsi un po’ diverso dagli altri, alcune famiglie però hanno adottato questo metodo già a partire dalle scuole medie. In generale comunque i prezzi sono fissati dall’ associazione italiana editori, tutte le adozioni e i relativi costi di tutte le classi e per tutte le scuole sono consultabili dal portale consultazione.adozioniaie.it. S.Bac.