22 Ottobre 2010

Su casa, mobili e motorini incentivi bis

 Roma Ritornano gli incentivi sui motorini, sui motori nautici e anche sui trattori, per i quali erano esaurite le risorse. Dal 3 novembre prossimo arriva il fondo unico per gli incentivi. Si tratta di 110 milioni che non sono state impegnati nelle altre voci agevolate e che finanzieranno tutti i 10 settori (dalle cucine ai motorini) compresi quelli che attualmente hanno esaurito la loro parte di finanziamento. E si andrà avanti fino al’ esaurimento dei fondi. Dieci settori incentivati Quindi attualmente si può chiedere il finanziamento che però non sarà concesso se la corrispondente voce (tipo i motorini) ha esaurito i fondi. Mentre dal prossimo 3 novembre saranno rifinanziate tutte e 10 le voci: cucine, efficienza energetica industriale, elettrodomestici, gru per l’ edilizia, macchine agricole, motocicli, nautica, immobili ad alta efficienza energetica, rimorchi e banda larga. La misura di sostegno ai consumi – commenta intanto il ministro allo Sviluppo, Paolo Romani – «si è dimostrata un successo: ben quattro dei dieci settori economici interessati agli incentivi hanno esaurito le risorse originariamente loro destinate già a poche settimane dall’ avvio del provvedimento». Polemici, invece. i consumatori del Codacons che assegnano al ministro un «Pinocchio d’ oro» e sostengono che per rilanciare davvero i consumi servirebbero 3 miliardi, più prodotti e dei criteri d’ accesso al beneficio del tutto diversi. Al Codacons replica il sottosegretario allo Sviluppo Stefano Saglia che spiega: «Non è possibile pensare a cifre di queste dimensioni, piacerebbe a tutti poter mettere a disposizione maggiori risorse e ne abbiamo discusso a lungo nel governo, ma questo è quello che abbiamo». Insomma «il pertugio è stretto» e le risorse a disposizione lo sono ancora di più visto la stretta sulla spesa pubblica imposta dalla crisi. Una crisi da cui l’ Italia, come altri Paesi, sta solo ora uscendo tra mille difficoltà e più di un’ incognita. La rimodulazione Romani comunque ha firmato il decreto per la rimodulazione delle risorse (appunto 110 milioni) che andranno ai 10 settori. Con questa rimodulazione – spiega – intendiamo consentire, da parte dei consumatori, il pieno ed ottimale utilizzo delle risorse residue, massimizzando i risultati che il governo si era posto con il decreto a favore del sistema delle imprese». Per questo è stato deciso di effettuare un’ unica variazione compensativa tra tutti i settori. Ciò consentirà di far confluire tutte le risorse ancora non prenotate in una voce. Il fondo unico così costituito sarà disponibile per le prenotazioni dei rivenditori e consumatori dal 3 novembre prossimo. Fino a tale data, i 7 settori incentivati che ancora presentano una disponibilità di risorse potranno continuare a prenotare le domande che arriveranno. nascosto –>
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox