13 febbraio 2018

Stupro all’ Esquilino, clochard violentata soccorsa dal Campidoglio. Le opposizioni: “Quartiere è abbandonato”

 

E’ stata presa in carico dalla Sala Operativa Sociale (SOS) e inserita nel circuito di accoglienza capitolino per assicurarle supporto sociale, legale e psicologico e per garantirle cure specialistiche la donna 74enne tedesca, vittima di violenza nei pressi di piazza Vittorio Emanuele II nella notte tra il 12 e il 13 febbraio . Lo stupro a piazza Vittorio Emanuele II Lei, nota clochard che abitualmente stanzia sotto i portici della piazza, stava dormendo all’ angolo con via Carlo Alberto quando si è ritrovata, alle sue spalle, un uomo nudo che la stava violentando. Le sue urla hanno attirato l’ attenzione di due turisti di passaggio e dei Carabinieri, i quali, dopo un breve inseguimento, hanno fermato uno straniero mentre tentava di scappare: si tratta di un senegalese di 31 anni, irregolare nel territorio italiano. L’ aiuto dell’ ambasciata tedesca Il coinvolgimento dell’ ambasciata tedesca, con il tramite di una mediatrice, ha favorito il dialogo con la donna vittima di violenza. Anche in precedenza la SOS le aveva proposto l’ accoglienza, ma lei aveva preferito declinare l’ offerta, come riferisce, in una nota, il Campidoglio. I Carabinieri a piazza Vittorio Emanuele II Le opposizioni: “Quartiere è abbandonato” “La Sindaca convochi immediatamente un Comitato per la Sicurezza e venga disposto un presidio permanente delle forze dell’ ordine”, commenta Davide Bordoni , capogruppo di Forza Italia in Campidoglio e candidato alla Camera dei Deputati: “Ormai di sera, e non solo, la città diventa terra di nessuno. In questo modo la Raggi e la sua maggioranza intendono rendere sicura la nostra città?”. Duro anche Fabrizio Santori , consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’ Italia che punta il dito sul degrado dell’ Esquilino: “Tutta quella zona, fino alla stazione Termini, va bonificata dalla feccia che la sporca ogni giorno diffondendo illegalità e insicurezza. L’ Esquilino è stato trasformato in un ghetto pericoloso dove bande di ogni razza si contendono affari e malaffare. I pochi italiani rimasti ormai temono anche ad uscire di casa la sera”. Parere condiviso anche dal presidente del Codacons Carlo Rienzi: “Piazza Vittorio e tutto l’ Esquilino versano in condizioni pietose, un quartiere dove regna l’ anarchia e dove è possibile commettere violenze in luoghi pubblici sotto gli occhi di tutti”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this