19 Febbraio 2019

Studenti del «Vanoni» al gelo, il «Codacons» va in Procura

La protesta degli studenti del «Vanoni»: mercoledì scorso hanno lasciato le aule gelate, rifiutandosi di seguire le lezioni VIMERCATE (tlo) Studenti al gelo, protesta al «Vanoni». Mattinata di tensione mercoledì scorso all’ istituto superiore all’ interno del centro scolastico Omnicomprensivo. Al loro arrivo gli studenti hanno trovato le classi al gelo a causa del mancato funzionamento del riscaldamento. A quel punto i ragazzi si sono rifiutati di fare lezione. I maggiorenni hanno ripreso i loro zaini e sono di fatto tornati quasi tutti a casa. I minorenni, invece, sono rimasti a scuola, ma si sono riuniti in un’ aula polifunzionale per discutere dei problemi che attanagliano il polo scolastico superiore. E a tal proposito proprio nella giornata di mercoledì il «Coda cons», Coordinamento dell’ Associazione dei consumatori, ha presentato un esposto per denunciare le tante criticità dell’«Omni». Solo alcune settimane fa gli studenti avevano denunciato anche il ritrovamento della carcassa di un topo lungo i corridoi dell’ istituto «Einstein». « L’ Omnicomprensivo è ormai noto per la foto postata tempo fa sui social network, che immortalava un topo ritrovato nelle vicinanze della macchinetta del caffè, nell’ edificio dell’ Einstein – si legge nel comunicato – Tuttavia la presenza, seppure saltuaria, degli animali in questione non sembra l’ unico problema che grava sulle strutture. In esse non è difficile ritrovare finestre rotte, muri e soffitti deteriorati. Le condizioni delle scuole risultano piuttosto difficili, ed è preoccupante pensare che ogni giorno numerosi studenti affrontano le lezioni tediati da tale incuria. Si perché la denuncia parte proprio dagli studenti. Quotidianamente i ragazzi devono fronteggiare problemi quali il freddo nelle aule e spifferi conseguenti a serramenti non in ottime condizioni. Insomma una situazione che rende complicata la frequentazione delle lezioni. Servirebbero interventi che permettano una maggiore vivibilità delle strutture per gli studenti, i quali hanno il diritto di seguire le lezioni nelle condizioni più ottimali possibili. Sarebbe inoltre da verificare che nella vicenda in questione non vi siano anche delle responsabilità, legate al perdurare delle condizioni dell’ Omnicomprensivo. Per queste ragioni il Codacons presenterà un esposto in Procura richiedendo la verifica dei fatti in oggetto nonché di vagliare la sussistenza di eventuali responsabilità relative alla condizioni dell’ Omnicomprensivo”».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox