6 Novembre 2019

Strisce blu in Centro, piano 5S Sosta a 3 euro l’ ora e Ztl fino alle 20

di Lorenzo d’ Albergo Non solo il prolungamento della Ztl fino alle 19 e poi, prima dell’ estate, fino alle 20. Tra le altre misure che la maggioranza 5S vuole portare in aula allo scoccare del 2020 c’ è anche la revisione delle tariffe delle strisce blu. Congelato causa flambus e per la chiusura prolungata delle stazioni più centrali della metro A – Barberini rischia di non riaprire nemmeno per Natale – è pronto a tornare di strettissima attualità. « L’ obiettivo politico è chiaro – spiega Enrico Stefàno, consigliere grillino e presidente della commissione Mobilità – e condiviso anche con l’ assessore Pietro Calabrese. Vogliamo riproporre la modifica degli importi della sosta a pagamento per completare un discorso che interesserà tanto il centro storico che le periferie. Nei prossimi mesi arriveranno più autobus e contiamo di risolvere una volta per tutte anche la questione delle stazioni chiuse lungo la linea rossa e dei guasti alle scale mobili » . Le novità che i pentastellati vogliono portare in Assemblea capitolina prima della pausa estiva, proprio quando dovrebbe scattare l’ estensione della Ztl fino alle 20, sono già state messe nero su bianco. La più importante è l’ aumento delle strisce blu da 1,20 a 3 euro all’ ora nel I Municipio e a 1,50 entro i confini dell’ anello ferroviario. Non è finita qui, perché la bozza circolata fino a questo momento prevede anche la cancellazione del mini- abbonamento mensile da 70 euro nelle aree più vicine al centro storico e l’ addio ai parcheggi gratuiti. Via le strisce bianche, dunque, con gli stalli a pagamento che di conseguenza registreranno un aumento del 22%: i posteggi blu passeranno dagli attuali 75.820 a circa 93.000. Resterà la tariffa agevolata da 20 centesimi per 15 minuti, mentre la giornaliera da 4 euro per 8 ore dovrebbe restare in vigore solo dalla zona 3 a quella 6. Insomma, nelle strade dove le strisce blu sono una rarità. A chiudere il pacchetto è la rivoluzione che riguarderà le vie dello shopping. Nessuna esenzione per i residenti. Da via Cola di Rienzo a via Appia Nuova, da viale Libia a viale Parioli, passando per viale Libia, via Candia, viale Giulio Cesare, via Catania, viale Trastevere e viale Liegi, stop ai vecchi talloncini da cruscotto. Sempre che la delibera superi il vaglio del Tar del Lazio; il piano dell’ ex sindaco Ignazio Marino, impugnato dal Codacons, naufragò proprio davanti ai magistrati amministrativi. Ora, con i commercianti che minacciano di far fare la stessa fine al prolungamento della Ztl, il caso si ripropone. Ma sulle basi su cui è stata costruita la rivoluzione delle strisce blu, Enrico Stefàno si è sempre detto piuttosto sereno: « La modifica della sosta tariffata è una delle misure da mettere in campo per la riduzione della congestione stradale, non serve a fare cassa. Dobbiamo renderci conto che è fisicamente impossibile per tutti usare l’ auto e fare quindi in modo che sempre più cittadini la lascino per usare i mezzi pubblici. I nuovi bus stanno arrivando». Sotto, quindi, con la modifica e con l’ obiettivo di arrivare alla sua approvazione in tempo per il test estivo, quando in città ci sono meno romani. © RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox